Home Blogging Mini guida alla scrittura di viaggio: 3 consigli fondamentali per travel blogger
Ragazza al computer, foto Tatiana Syrikova

Mini guida alla scrittura di viaggio: 3 consigli fondamentali per travel blogger

24 commenti


Chiunque può raccontare un viaggio, ma non tutti sono in grado di coinvolgere i loro ascoltatori o, nel mondo del travel blogging, follower e lettori. Online si parla spesso di storytelling, parola stra-abusata per dire narrazione e una buona narrazione è composta principalmente da dettagli interessanti e ritmo del racconto. Padroneggiare la scrittura di viaggio con uno stile personale e accattivante richiede studio, impegno e l’esperienza di tanti articoli, tuttavia di seguito troverai alcuni spunti di riflessione utili per iniziare.

1. Pianificare gli articoli da scrivere

Scrivere di un viaggio on the road è molto diverso rispetto a scrivere la recensione di un hotel. I dettagli da mettere in luce sono differenti, così come il ritmo dell’articolo. Per molti blogger professionisti il viaggio stesso è un lavoro, non solo un’avventura da vivere, per cui è bene fare una lista di articoli di cui scrivere prima di partire. Una buona idea è suddividerli per temi, per esempio:

  • Itinerari di viaggio
  • Recensioni hotel (sul nostro magazine trovi alcuni consigli specifici su come promuovere gli hotel)
  • Recensioni ristoranti
  • Luoghi naturali e trekking
  • Musei e attrazioni

Nel caso di un viaggio on the road, improvvisato o con molti tempi morti riempiti al momento questa lista di articoli da scrivere si può fare anche durante o al rientro dal viaggio. In base alla mia esperienza da blogger professionista è importante farla a mente fresca così da appuntare anche eventuali note sugli aspetti curiosi che ci interessavano prima di arrivare per confrontarli con l’esperienza realmente vissuta.

2. Raccontare dettagli specifici del viaggio

Se hai letto i 5 trucchi per posizionarsi nella prima pagina di Google, sai già che la regola base è rispondere alle domande dei lettori. Nel caso dei viaggi, i lettori cercano risposte specifiche per poter ripercorrere lo stesso itinerario in autonomia o decidere quale area di un Paese visitare. A meno che il tuo blog non sia un magazine che voglia semplicemente ispirare e far scoprire nuove destinazioni – come facciamo nella sezione viaggi di Travel Blogger Italiane – i lettori che arrivano attraverso Google cercano sempre risposte precise.

Per esempio, se stai organizzando un trekking sulle Dolomiti cercherai sia informazioni sulle destinazioni più note che sui borghi limitrofi, sulle altezze delle montagne e sulle lunghezze dei percorsi a piedi. Un buon articolo di viaggio deve offrire queste informazioni, coinvolgendo i lettori con emozioni ed esperienze personali come gli incontri con le persone del luogo, i cibi e i profumi. Chi ama la montagna apprezza anche conoscere dettagli come i nomi delle piante che fiancheggiano i sentieri e la fauna locale che si può incontrare lungo gli itinerari suggeriti.

Lo stesso ragionamento si può fare per qualsiasi destinazione e tipologia di articolo. Com’è arredata la lobby dell’hotel, qual è lo stile di interior design del ristorante, quanto costano i biglietti, quale sensazioni si provano a entrare nella più famosa attrazione della destinazione sono solo alcune idee delle domande da farsi prima di scrivere ogni articolo. Pensa a quali dettagli specifici del viaggio vorresti sapere tu e inseriscili nell’articolo che vuoi scrivere.

3. Prestare attenzione al ritmo del racconto

Il ritmo di un articolo di viaggio è la parte più difficile da gestire perché non ha regole precise da seguire come la grammatica, è una caratteristica personale e ogni travel blog è unico e differente. C’è chi scrive paragrafi brevi e concisi, chi fa uso di puntini di sospensione e chi li ha banditi totalmente.

Il ritmo del racconto si applica in frasi singole e paragrafi, e determina il modo in cui verrà letto il tuo articolo. Un buon modo per capire se il ritmo di un testo funziona è leggerlo ad alta voce, facendo le pause giuste corrispondenti alla punteggiatura. Frase dopo frase, la lettura dev’essere scorrevole e avvincente.

Alcuni scrittori professionisti suggeriscono di variare la lunghezza delle frasi, alternando frasi lunghe a frasi corte. Altri di prestare attenzione alla lunghezza dei paragrafi. Tutte queste regole devono poi sposarsi con quelle della scrittura per il web che richiedere linguaggio semplice e immediato, racchiuso in frasi tendenzialmente brevi.

Se questi consigli sembrano troppo difficili, considera che imparare a scrivere bene di viaggi in modo coinvolgente richiede pratica, proprio come ogni altra abilità e competenza. Ogni blogger ha il suo stile personale da sviluppare e l’obiettivo è quello di ottenere uno stile di scrittura unico e inimitabile.

.

24 commenti

Marina 13/08/2021 - 07:22

Concordo con questi consigli. Sono arrivata ad applicarli naturalmente con anni e anni di esperienza e di scrittura.
Aggiungo una cosa, che magari può sembrare scontata, ma non lo è: tutto questo lavoro presuppone ore di tempo spese non solo per la scrittura, ma anche per la scelta delle immagini e soprattutto per la rilettura e la revisione. E la scrittura non può essere di getto, ma deve presupporre un minimo di studio, soprattutto se si danno informazioni che vanno oltre la propria esperienza diretta (ad esempio di un monumento non mi limito a dire che è bello, ma cerco di dare qualche info in più di tipo storico e artistico, magari).

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:44

Concordo su quanto hai aggiunto. La rilettura stessa richiederebbe di scrivere un articolo a parte. Personalmente tra bozza e pubblicazione/programmazione lascio passare almeno un giorno per distaccarmi e rileggere l’articolo dal punto di vista di un lettore che quel luogo non l’ha visto. Inoltre la scrittura per me è fatta con mille tab di Chrome aperte, per vedere come si scrive un certo nome e verificare date e fonti dai miei appunti. Si tratta di tanto lavoro, ma ripaga con la certezza di aver scritto un articolo di qualità!

Rispondi
Valentina 13/08/2021 - 09:21

Quando scrivo articoli (sia per il mio blog che per riviste e siti internet) cerco sempre di farmi una scaletta e di tenere a mente questi tre punti fondamentali. A volte, forse, non presto troppa attenzione alla SEO, ma il ritmo, per me, è fondamentale. Cerco sempre di mantenere vivo l’interesse del lettore dalla prima parola all’ultima.
Alle lezioni del master in arti del racconto ci era stato consigliato di leggere i propri scritti ad alta voce. E confermo, aiuta moltissimo!

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:46

Il ritmo è quello che fa restare un lettore incollato alla pagina!

Rispondi
Claudia 13/08/2021 - 09:44

Concordo con questi consigli, il nostro blog essendo scritta sia da me sia da Ilaria ha un doppio stile e i lettori più affezionati ormai ci riconoscono anche se non ci firmiamo 😄

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:47

Per questo potete rimediare creando due profili autore diversi su WordPress 🙂

Rispondi
Virginia 13/08/2021 - 10:07

I vostri consigli sono sempre preziosi. Io sono una scrittrice più “di getto”, non sono brava a pianificare con precisione… e il mio blog in effetti non è decollato 😅 Alla fine, però, trattandosi di una passione e non di un lavoro, ho deciso di lasciare così, far trasparire molto di me e delle mie emozioni e tralasciare un po’ le regole della SEO.

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:49

Quella di scrivere per passione è la regola zero! Un blogger deve innanzitutto divertirsi, che sia per lavoro o per semplice passione. Non credo nei blog nati per monetizzare. Certo si può, ma poi diventa un lavoro faticoso e noioso. La SEO si può riprendere anche più avanti, tra titoli e lunghezza di paragrafi, ma la passione per il viaggio non puoi “correggerla” in un secondo tempo 😉

Rispondi
Marina 13/08/2021 - 14:42

Personalmente mi piace raccontare un pò della storia di un monumento o del luogo di cui parlo, ma non amo dare troppi dettagli, tipo il costo del biglietto o gli orari di apertura di un museo, perché interrompono un pò il flusso della narrazione. Penso che chi è interessato vada poi a cercarli direttamente sul sito del museo, ma magari sbaglio!

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:50

Anche io sono d’accordo con questa visione però sono informazioni che ai lettori interessano, quindi sto cercando di dare maggiori informazioni in questo senso. Ora come ora in tempi di Covid è però tutta un’incognita quindi puoi dare informazioni generali e linkare il sito del museo con gli orari di apertura o dove acquistare biglietti

Rispondi
Libera 13/08/2021 - 19:44

Io da quando scrivo frasi brevi nei miei articoli di viaggio, li ritengo molto più accattivanti e scorrevoli per il lettore. Come sempre ottimi spunti , cara Paola.

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:52

Accorciare le frasi è fondamentale per il web dove i contenuti si consumano molto più in fretta che le pagine di un libro. Inutile girarci intorno, David Foster Wallace non sarebbe affatto SEO friendly 😀 Per essere sempre avanti dobbiamo rispondere alle richieste dei lettori anche in termini di fruizione dei nostri articoli!

Rispondi
Eliana 14/08/2021 - 10:47

Ottimi consigli! Per quanto mi riguarda il mio stile lo vedo molto in evoluzione e se rileggo vecchi articoli, i primissimi, del mio blog, mi chiedo se li ho scritti io o un’altra persona! Coinvolgere non è facile ma se i lettori apprezzano vuol dire che sto andando verso la direzione giusta!

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:54

Questo è normalissimo! Pensa che sul mio blog personale sono passata dal voi degli inizi al tu. Periodicamente riaggiorno i vecchi post, ma scorrendo indietro e trovando post degli inizi sembrano arrivare da un blog diverso… I dati Analytics sono il modo migliore per scoprire se i lettori aumentano e quali sono gli articoli preferiti 🙂

Rispondi
Paola 14/08/2021 - 14:50

Sempre consigli perfetti e utili!
Sembra scontato, ma è assurdo quanto tempo occorra per scrivere un articolo come si deve. È importante tanto la preparazione, le scelte e l’organizzazione quanto la scrittura!

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:55

Un giorno non basta per un articolo completo!!! A volte mi capita di scrivere anche più di una bozza nello stesso giorno, ma poi mi fermo per lasciare il tempo alle idee di sedimentare e rileggere i miei scritti con calma e uno sguardo esterno

Rispondi
Silvia+The+Food+Traveler 17/08/2021 - 09:23

Sono d’accordo su tutta la linea, in particolare su quello che riguarda la pianificazione. Al rientro da un viaggio (di solito sul volo di ritorno) inizio a buttare giù qualche idea su quelli che saranno i post da scrivere, in modo da mettere ordine tra le idee.
Un altro consiglio che può sembrare scontato ma non sempre lo è: la revisione degli articoli. A volte mi è capitato di imbattermi in un articolo su una meta che mi interessava, e di abbandonare la lettura dopo poche righe per via degli errori di battitura, di grammatica e via dicendo.

Rispondi
Paola Bertoni 21/08/2021 - 17:57

Sono d’accordo. Un errore di battitura può sfuggire anche alla rilettura più attenta, ma quando sono troppi la lettura diventa difficoltosa e sembra quasi che l’articolo sia stato buttato lì per caso

Rispondi
Lara 23/08/2021 - 09:08

Ottimi consigli, non sempre è facile seguirli tutti. A volte ci sono articoli dove facilmente capisci la strada da seguire, perchè era magari un’esperienza che ti ha particolarmente emozionato, a volte invece trovare i giusti spunti, e la giusta direzione è davvero complicato. Comunque bisogna sempre pianificare, quello è certo.

Rispondi
anna 27/08/2021 - 10:13

Io ho dei periodi con sprazzi di scrittura, magari una settimana scrivo un articolo al giorno (lo faccio comunque nei ritagli di tempo tra lavoro e famiglia) e dei periodi in cui scrivo solo titoli o bozze che spesso restano li a marcire 🙂 I tuoi consigli sono molto preziosi e ammiro molto il tuo stile di scrittura. Bisogna saper trovare il giusto equilibrio tra contenuti e leggibilità, magari con qualche punto che faccia sorridere e che renda la lettura piacevole. Non è facile 🙂

Rispondi
Rossella 28/08/2021 - 17:49

Quando scrivo un articolo di viaggio a volte mi sento vincolata dalla SEO, come se non mi fosse permesso usare esattamente le frasi desiderate per paura di non essere poi trovata da Google. Hai qualche suggerimento su come bilanciare emozione di viaggio, dettagli del viaggio etc e Seo?

Rispondi
Patrizia 28/08/2021 - 18:38

Tutti scrivono, ma sono davvero in pochi a farlo bene, per questo i tuoi consigli sono utilissimi. Ad esempio, non conoscevo il fatto della lunghezza delle frasi, che trovo molto interessante invece. Condivido anche la parte della pianificazione, per rendere il tutto più organizzato e scorrevole!

Rispondi
ELisa 29/08/2021 - 15:06

Il primo è davvero un ottimo consiglio e devo ammettere che non sempre lo metto in pratica! Se lo facessi probabilmente il mio calendario editoriale sarebbe più fluido e coerente…

Rispondi
Monica 30/08/2021 - 08:12

Grazie per gli ottimi consigli Paola. Quando scrivo un articolo sul mio blog (parlo principalmente di hiking in Piemonte) mi piace molto raccontare l’escursione dal mio punto di vista, di quello che provo una volta arrivata in cima e anche della fatica fatta per arrivarci. Trovo sia un buon modo per coinvolgere il lettore e far venir voglia, anche a lui, di salire in alta montagna e provare le mie stesse sensazioni ed emozioni!!!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy