Home ViaggiResto del mondo Cosa mangiare in Giordania
Assaggi di cucina giordana, foto Wikipedia

Cosa mangiare in Giordania

10 commenti

La recente riapertura della Giordania al turismo internazionale ha riportato l’attenzione, dopo circa un anno e mezzo, non solo sulle bellezze architettoniche e paesaggistiche del Paese, ma anche sulle prelibatezze dei suoi piatti tipici. Basata su materie prime semplici, messe a disposizione dal territorio, la cucina giordana affonda le sue radici nelle antichissime tradizioni beduine.

Cosa mangiare in Giordania: la convivialità del pasto giordano

Il pasto costituisce, fin da tempi antichissimi, un momento di forte condivisione e convivialità della vita sociale giordana. Per questo motivo, ad esempio, è consuetudine disporre i piatti al centro del tavolo in modo che ognuno possa servirsene.

I piatti tipici giordani

La presenza della pita durante i pasti, inoltre, favorisce il consumo dei cibi senza ricorrere alle posate. Piegando leggermente questo pane sottile e tondeggiante, tipico del mondo arabo, è infatti possibile servirsene come se fosse un cucchiaio.

Una delle peculiarità della cucina giordana è l’utilizzo dello za’atar, una miscela costituita da diverse spezie, ovvero: timo, origano, summaco, sesamo e sale. L’abbondante quantità di summaco conferisce allo za’atar una particolarissima colorazione rossastra che lo rende immediatamente riconoscibile.

Non si può dire di aver assaggiato la cucina giordana se non si è provato l’hummus, una crema vellutata a base di ceci e pasta di semi di sesamo, condita con olio, succo di limone, aglio, prezzemolo, paprica e semi di cumino. Solitamente viene adoperato per intingervi le portate principali oppure può essere spalmato sul pane.

L’hummus è perfetto per accompagnare un buon aperitivo a base di falafel, ad esempio, perché, se c’è un piatto che più di tutti esprime il piacere di ritrovarsi a tavola, tipico della popolazione giordana, questo è costituito proprio dai falafel. Le tipiche polpettine di legumi, aromatizzate con spezie e poi fritte, vengono rigorosamente mangiate con le mani, dopo essere state disposte al centro della tavola. Pur essendo buonissime da sole, intingerle nell’hummus le renderà ancora più gustose.

Il piatto delle grandi occasioni, unico e vero simbolo della convivialità giordana è però il mansaf. Viene preparato per festeggiare le ricorrenze familiari e una volta pronto, viene posto al centro del tavolo, così che ognuno possa servirsene. L’elemento principale di questa pietanza è la carne di agnello, adagiata su un’abbondante porzione di riso aromatizzato con varie spezie, pinoli e yogurt. Un tripudio di gusto!

I piatti che hanno conquistato le Travel Blogger Italiane in Giordania

Tra i piatti assaggiati durante il viaggio per blogger #TBIGiordania2021, ce ne sono alcuni che hanno letteralmente conquistato il gruppo. L’esperienza vissuta ha permesso di superare le barriere linguistiche e culturali, fino ad abbracciare con semplicità e naturalezza tradizioni antichissime, come se questo Paese avesse deciso di mostrarsi attraverso il cibo.

La maqluba

Le blogger hanno assistito con molta curiosità alla spettacolare mise en place della maqluba, letteralmente “sotto sopra”. Questo sformato a base di carne, riso, verdure e spezie viene servito con una modalità degna di uno spettacolo di illusionismo.

Un piatto grande almeno quanto la circonferenza della pentola adoperata per la cottura, viene posto al centro della tavola. La pentola, dopo essere stata portata in tavola ancora calda, viene fatta ruotare con un rapido movimento delle mani e adagiata sul piatto, in modo da evitare che la maqluba vi fuoriesca.

Dopo alcuni secondi di suspense, finalmente il contenuto della pentola è svelato. Lo sformato, dall’aspetto compatto, viene quindi mescolato, in modo che tutti gli elementi che lo costituiscono si distribuiscano in maniera equa sul piatto. A questo punto ciascuno dei commensali se ne può servire, assicurandosene un’abbondante porzione.

La maqluba, piatto tipico giodano assaggiato in Giordania dalle Travel Blogger Italiane in Giordania, foto Liberamente Traveller
La maqluba, piatto tipico giodano assaggiato in Giordania dalle Travel Blogger Italiane in Giordania, foto Liberamente Traveller

Lo zarb

Se la maqluba è stata una sorpresa, lo zarb è ancora più scenografico, cotto direttamente sotto la sabbia! Assaggiato dalle blogger durante la notte trascorsa nel deserto del Wadi Rum, in uno splendido campo tendato. Anche in questo caso, la presentazione del piatto è stata preceduta da un vero e proprio trucco di magia.

Il barbecue è stato estratto da una profonda buca nella sabbia dove, a fuoco vivo, è stata cotta sia la carne, elemento principale del piatto, che le verdure di contorno. La pietanza è in genere accompagnata con delle salse oppure con yogurt, per conquistare anche i palati più esigenti.

Lo zaarb gustato in Giordania dalle Travel Blogger Italiane, foto Liberamente Traveller
Lo zarb gustato in Giordania dalle Travel Blogger Italiane, foto Liberamente Traveller

Cosa bere in Giordania: le bevande da provare e quelle da evitare

La Giordania è un Paese a maggioranza musulmana e per questo, vendere e assumere alcool in pubblico nel mese del Ramadan è assolutamente vietato. Durante questo periodo, infatti, gli alcolici possono essere consumati dai turisti solo all’interno degli alberghi.

In generale, è più semplice trovare bar che servono bevande alcoliche nelle città a maggioranza cristiana o nelle località turistiche. Reperire una bottiglia di vino o di birra tra gli scaffali dei supermercati qui, non è così difficile. A far desistere dall’intento sarà il prezzo, davvero molto elevato, a causa delle imposte.

Meglio preferire un buon centrifugato fresco o una spremuta di melograno, come quella che si può trovare in un piccolo chiosco all’interno del sito archeologico di Petra. Fresca e dissetante, l’ideale per reidratarsi durante la visita alla Città Rosa.

Ogni viaggiatore non può assolutamente lasciare la Giordania senza aver assaggiato il . Assaporarne una tazza fumante, sotto una tenda beduina, è una delle esperienze più piacevoli che questa terra possa donare. La bevanda solitamente viene aromatizzata con della menta e zuccherata, poiché tende ad avere un gusto leggermente amaro.

In alcune zone, come la Riserva della Biosfera di Dana, è molto diffuso il consumo di tè alla salvia o al timo. Oltre al tè, in Giordania è abitudine consumare il caffè, che solitamente ha un gusto deciso e si presenta abbastanza denso sul fondo.

Il tè beduino provato dalle Travel Blogger Italiane in Giordania, foto Liberamente Traveller
Il tè beduino provato dalle Travel Blogger Italiane in Giordania, foto Liberamente Traveller

La voglia di sperimentare e assaggiare cibi e bevande tipiche dei luoghi che si visitano è il modo migliore per sdebitarsi dell’ospitalità ricevuta. Non vuol dire forse questo essere un viaggiatore?

.

Altri post che potrebbero interessarti

10 commenti

Eliana 08/01/2022 - 11:08

Dovevo assaggiare anche io queste prelibatezze ma ahimé il viaggio è sfumato! Non tutto è perduto e spero di poter recuperare queste bontà a luglio, augurandomi che la situazione sia mutata in meglio! Sono sicura che mi piaceranno tutte!

Rispondi
Libera 08/01/2022 - 19:18

Te lo auguro , Eliana !

Rispondi
Libera 08/01/2022 - 19:20

La Giordania è uno dei Paesi dove ho mangiato meglio . Trovo i suoi piatti davvero gustosi , non saprei dire quale sia il più buono ma il più originale si : la maqluba!

Rispondi
Cristina 08/01/2022 - 20:04

Tutto il cibo assaggiato in Giordania era ottimo il mio preferito è stato l’hummus!!!

Rispondi
Libera 11/01/2022 - 20:38

Vero, Cristina . Si è mangiato benissimo .

Rispondi
Arianna 09/01/2022 - 09:41

Come dici tu da buon viaggiatore ho amato assaggiare tutti i piatti giordani, ho adorato l’hummus e lo zarb soprattutto come momento di convivialità nella nostra magica notte nel deserto

Rispondi
Libera 11/01/2022 - 20:39

Anche a me ha colpito molto il carattere di convivialità del pasto giordano.

Rispondi
Patrizia 14/01/2022 - 10:01

Non esiterei a provare nulla di tutto questo. Ha tutto un fascino davvero particolare e la cucina medio orientale mi ha sempre affascinata. Trovo molto invitanti questi piatti e eviterei, come da consiglio, le bevande alcoliche!

Rispondi
sara bontempi 14/01/2022 - 18:17

Essendo celiaca ho sempre un pensiero in più quando viaggio in luoghi lontani.
Ma come vedo da questo articolo, in Giordania si usano molto piatti di riso, carne e verdure, praticamente tutti naturalmente senza glutine, me lo segno!

Rispondi
Bru 15/01/2022 - 00:24

Mi piace il cibo mediorentale ad iniziare dal buonissimo hummus, certo che consumare un pasto nel deserto ha davvero un fascino unico

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy