Home Blogging Come guadagnare dai tuoi viaggi vendendo fotografia di stock
Guadagnare con la fotografia di stock

Come guadagnare dai tuoi viaggi vendendo fotografia di stock

14 commenti

I blogger in genere sono molto gelosi delle proprie foto al punto da inserire spesso antiestetici watermark sulle immagini, anche quando non ce ne sarebbe bisogno. In questo articolo puoi però leggere un punto di vista differente e pensare ai tuoi scatti come una possibilità di guadagno per finanziare nuovi viaggi.

Perché vendere le foto di viaggio

Se hai un hard disk pieno di foto del Sud Est Asiatico, di paesaggi montani, spiagge tropicali o monumenti delle principali città europee è ora di mettere a frutto il tuo lavoro. Ogni travel blogger infatti scatta moltissime fotografie, sia per il blog che per pura passione. Fotografie che occupano spazio e che sono un costo in termini di abbonamento a servizi come Lightroom o simili.

Ora immagina le tue foto di viaggio trasformate in un buon sconto per il tuo prossimo viaggio e il tuo lavoro di blogger retribuito con una nuova fonte di entrate. Sembra una splendida idea, devi solo lasciare andare l’idea che le tue foto siano solo tue.

Una volta concessa la possibilità ad altri di utilizzare le tue immagini potrai goderti i tuoi guadagni, da una cena extra in vacanza a forse pure un viaggio completo all inclusive o un nuovo obiettivo per la macchina fotografica. Davvero è possibile guadagnare soldi extra con la fotografia di stock, tuttavia devi considerare che vendere i tuoi scatti non è un lavoro immediato. Si tratta infatti di costruire una rendita nel tempo, con costanza e dedizione.

Ragazza che scatta una fotografia in un campo, immagine di Andre Furtado da Pexels
Travel blogger intenta a scattare foto da rivendere sui siti di microstock, immagine di Andre Furtado

Come funziona la fotografia di stock

Probabilmente hai già acquistato fotografie di stock o scaricato immagini con licenza gratuita per gli articoli del tuo travel blog. Sono molto comode e pratiche, purtroppo però è possibile ritrovarle identiche anche in articoli di altri blogger. Al contrario della fotografia artistica o dei servizi fotografici veri e propri, la fotografia di stock tende infatti ad essere molto generica, per adattarsi a più contesti possibili.

La fotografia di stock, conosciuta anche come microstock, ha l’obiettivo di concedere una singola immagine in licenza a più clienti possibile. Per questo motivo si presta molto bene alla creazione di una rendita passiva, con piccoli incassi ogni mese. Piano piano, pochi centesimi diventeranno qualche decina di euro, e dopo qualche anno potrebbero trasformarsi in un vero stipendio.

Per semplificare il funzionamento del microstock, il fotografo scatta le immagini e le carica sul portale scelto, quindi guadagna denaro a ogni download. In tutta onestà, le foto di viaggio non sono quelle che fanno guadagnare di più, ma possono comunque regalarti qualche sfizio e contribuire a ripagare le spese della tua prossima avventura.

Come iniziare con la fotografia di stock

Per iniziare la tua carriera di fotografo di stock allenati a scattare immagini generiche, che si possano adattare a più contesti. Una foto di viaggi infatti potrebbe venire utilizzata sia su un catalogo di un tour operator sia in un blog con un tema totalmente diverso.

Una volta scelte le tue immagini migliori, procedi a caricarle sui siti delle agenzie di microstock. Personalmente mi appoggio a ShutterstockAdobe StockDepositphotos e Dreamstime con cui riesco a vendere regolarmente. Tuttavia esistono molti altri siti di fotografia di stock.

Ogni agenzia ha le sue regole sul tipo di immagini accettate, sulla risoluzione minima e sulla qualità. Un rifiuto in un’agenzia non significa sempre che le tue immagini sono di cattiva qualità, potrebbero solo non essere in linea con il sito di microstock su cui le hai caricate.

Libri da leggere per iniziare con il microstock

Per approfondire le tecniche e imparare a guadagnare regolarmente con il microstock ti consiglio alcune risorse utili. Il mio libro Come guadagnare con la fotografia di stock racconta la mia esperienza di vendita foto ed è quindi mirato a chi vuole vendere foto di viaggio.

Il libro Nicchie: Guadagnare con le immagini nella fotografia di microstock di Alessandro Grandini invece è molto più specifico e ti consiglio di leggerlo dopo aver iniziato a vendere. Ti aiuterà infatti a capire come guadagnare di più, ma richiede qualche conoscenza di base.

Entrambi i libri sono disponibili sia in formato cartaceo che ebook, ma ancora meglio sono gratuiti per gli abbonati a Kindle Unlimited!

I guadagni della fotografia di stock

Forse hai letto tutto l’articolo fino qua, oppure hai saltato i paragrafi precedenti per capire subito quanto guadagno extra possono fornirti le tue fotografie di viaggio. Ebbene, ti confermo che il microstock funziona davvero per ottenere una rendita passiva, ma richiede tempo e costanza.

Caricare un centinaio di immagini non basta per guadagnare con la fotografia di stock. Devi caricare regolarmente nuove immagini sui siti di microstock, inserire le corrette parole chiave e seguire i trend più redditizi per crearti una piccola rendita.

Come per le affiliazioni sul blog, anche per il microstock è necessario avere tante visualizzazioni per iniziare a ricevere commissioni regolari sulle tue vendite. I migliori fotografi di microstock sono professionisti specializzati, tuttavia puoi guadagnare qualche centinaio di dollari al mese anche con i tuoi scatti di cibo e viaggi.

L’importo delle commissioni sulla vendita delle licenze di microstock varia da pochi centesimi a qualche centinaia di euro per ogni download, in base alla licenza applicata. Inoltre considera che ogni fotografia può venire scaricata potenzialmente migliaia di volte, moltiplicando quindi i tuoi guadagni. Anche una cifra piccola, moltiplicata per tante volte può diventare interessante.

Ora però ti chiedo di condividere la tua opinione sulla fotografia di stock nei commenti. Hai mai pensato di vendere le tue foto di viaggio? Sapevi che era possibile guadagnare anche vendendo fotografie?

.

Altri post che potrebbero interessarti

14 commenti

marina 20/09/2021 - 23:23

Ok, mi hai decisamente aperto degli orizzonti! Non avevo mai considerato l’idea di poter vendere le mei fotografie su un sito di stock! Grazie per questa ulteriore informazione preziosa.

Rispondi
Paola Bertoni 23/09/2021 - 13:18

Grazie! Io lo consiglio perché è un modo di mettere a frutto la nostra passione per viaggi e fotografia 🙂

Rispondi
Teresa 22/09/2021 - 18:24

Adesso che finalmente ho acquistato una macchina fotografica semi professionale, potrei pensarci!

Rispondi
Paola Bertoni 23/09/2021 - 13:20

Puoi vendere foto scattate anche con cellulari di fascia alta, non è più un business solo per professionisti ed è bellissimo perché basta solo avere occhio e tecnica, indipendentemente dallo strumento se hai una buona risoluzione 🙂

Rispondi
Valentina 24/09/2021 - 09:04

Non sapevo nulla riguardo alla fotografia di stock e questo post mi ha “illuminato”.
Grazie Paola per le dritte e i consigli di lettura (a proposito, complimenti per il tuo libro).
Nei prossimi giorni, ci penso e casomai provo a buttarmi anche in questo campo 🙂

Rispondi
Patrizia 25/09/2021 - 17:51

Sapevo fosse possibile quest’opzione, ma non ne conoscevo bene le dinamiche. Potrebbe essere un discorso molto interessante, anche solo per testare le proprie abilità e il riscontro del pubblico alle proprie immagini. Molto interessante!

Rispondi
Paola 26/09/2021 - 00:24

Non sapevo di questa possibilità! È interessante, soprattutto considerando, effettivamente, il numero di foto che si fanno durante un viaggio!

Rispondi
Eliana 26/09/2021 - 08:32

Come sai sono fotografa per passione e riesco a guadagnarci qualcosa quando vendo le foto durante eventi e mostre fotografiche. Purtroppo non mi sono mai messa in ballo con le stock ma solo per mancanza di tempo: devo davvero però ritagliarmi uno spazio di giornata e provarci!

Rispondi
Arianna 26/09/2021 - 14:56

Adoro fotografare e effettivamente i miei hard disk e dischi esterni sono strapieni di fotografie, un tempo ci avevo anche pensato ma poi concretamente non mi sono mai informata, grazie per queste info, potrò valutare se tentare anche questa strada

Rispondi
Annalisa+Trevaligie-Travelblog 08/10/2021 - 13:13

Non ho mai pensato che le mie foto di viaggio potessero portarmi introiti. Scatto da cellulare ma non nego che mi piacerebbe imparare ad usare una macchina professionale e poter iniziare a sfruttare la mia passione..

Rispondi
Anna 08/10/2021 - 16:15

Lo confesso, non avevo mai pensato a vendere le mie foto però questo articolo mi ha fatto venire la curiosità…. Più che altro per pagare almeno il costo di storage delle foto stesse.

Rispondi
Lara 17/10/2021 - 19:50

E’ una cosa che stavo valutando proprio in questo periodo, grazie per queste indicazioni, perchè non sapevo bene da che parte iniziare!

Rispondi
Claudia 18/10/2021 - 08:54

Molto interessante! Ci ho pensato qualche volta e credo che in futuro lo farò, quando mi sarò ben organizzata il materiale fotografico 😛

Rispondi
Valentina 18/10/2021 - 09:35

Davvero super interessante e utilissimo questo articolo! Io scatto sempre tantissime fotografie durante i miei viaggi, e già da un po’ volevo informarmi per provare a venderle. Ora lo faccio per davvero, grazie mille per queste preziose informazioni!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy