Home Blogging Hosting WordPress: i migliori hosting per blogger 2022 (lista sempre aggiornata)
Computer con schermata delle caratteristiche dello spazio web offerto da Greenora Hosting

Hosting WordPress: i migliori hosting per blogger 2022 (lista sempre aggiornata)

11 commenti

Scegliere l’hosting giusto con WordPress è una delle attività più importanti per un blogger perché può determinare il successo del proprio progetto online. I prezzi bassi infatti non sempre corrispondono a buone prestazioni e a facilità di utilizzo, e non tutti possono permettersi da subito di investire nel costo di un hosting veloce con servizi aggiuntivi.

Perché non fidarti troppo delle recensioni sui migliori hosting WordPress

Prima di andare avanti e parlare di quali sono i migliori hosting WordPress per i blogger, considera che non tutte le recensioni che leggi online sono davvero così oneste come sembrano. Quasi tutti gli hosting infatti hanno un programma di affiliazione e di conseguenza spesso le opinioni di molti blogger sono falsate dai possibili guadagni.

Per questo motivo come Travel Blogger Italiane ti diciamo subito che siamo affiliate a SiteGround e a Greenora Hosting. La verità è che io personalmente lavoro con SiteGround da così tanto tempo e ho così tanti siti sopra che lo consigliavo già da prima di aderire al suo programma. Lo stesso vale per Greenora Hosting che ho scelto come miglior hosting economico per blogger dopo aver testato altre alternative.

Quindi il consiglio che posso darti è, ogni volta che leggi la recensione di un blogger su un hosting, di verificare se quel blogger lavora davvero con quell’azienda, dove si trovano i suoi siti internet e quali sono le loro prestazioni. Non fidarti di chi ti consiglia un hosting lento anche se costa poco, la velocità è essenziale per comparire nelle prime pagine di Google!

Attenzione! Hosting da evitare

A parte il discorso sulle recensioni non sempre sincere, va aggiunto che andrebbero evitati anche i servizi di hosting che andrebbero evitati a prescindere talmente le prestazioni sono scarse o il servizio clienti problematico.

Personalmente ho l’abitudine di contattare il Servizio Clienti prima di affidarmi a un hosting perché dice moltissimo di come verranno trattati i clienti dopo. Ti consiglio di fare lo stesso prima di scegliere il luogo in cui far nascere e crescere il tuo blog perché devi poter contare su qualcuno che ti ascolta quando capitano i problemi.

Hosting italiani

In particolare ho avuto brutte esperienze con webmaster e web agency italiani da cui ho dovuto “recuperare” siti di clienti da gestire. Sono anche scappata da un hosting low cost italiano dopo un veloce scambio di informazioni. Volevo provarlo per proporlo alla community Travel Blogger Italiane, ma non mi era piaciuta la risposta sbrigativa.

Tuttavia non farò i nomi dei servizi di hosting più piccoli perché spero si sia trattato solo di disattenzione di un operatore particolare e in questo caso non meriterebbero pubblicità negativa. Se avete avuto problemi con un hosting in particolare sono comunque disponibile a parlarne in privato.

Al contrario, sconsiglio pubblicamente Aruba perché nonostante le dimensioni dell’azienda il servizio è pessimo, con un Servizio Clienti inadeguato ed enormi problemi quando si prova a spostare un sito su un altro hosting. Mentre gestivo migrazioni per conto di clienti con Aruba ho avuto siti cancellati per clausole scritte in piccolo e domini rimasti sospesi nel nulla per settimane. Io ho Aruba esclusivamente per la PEC, la posta elettronica certificata obbligatoria per le aziende, ma non la considero un’opzione hosting valida.

Quindi, per l’hosting non considerare il “made in Italy” come caratteristica di valore, ma affidati ad aziende internazionali, di comprovata esperienza!

Hosting internazionali

Tra gli hosting internazionali da evitare c’è sicuramente Bluehost (leggi la mia recensione negativa Bluehost dopo averlo provato). Online le recensioni sono ottime, tuttavia la mia esperienza è esattamente il contrario, con tutti i siti regolarmente down e assistenza clienti non in grado di risolvere il problema.

Una delle caratteristiche base dell’hosting deve essere l’affidabilità e Bluehost non è affidabile, oltre ad avere un sistema di siti ad albero, con installazioni WordPress all’interno del sito internet principale. Questa struttura, secondo il parere di un tecnico che ho consultato per salvare il mio lavoro, è uno dei motivi per cui Bluehost non è in grado di gestire correttamente i siti web ospitati.

Perché quindi Bluehost sembra così popolare? Molto probabilmente per il suo programma di affiliazione. Le ottime provvigioni offerte ai blogger sono il motivo per cui questo hosting così pessimo è raccomandato così tanto.

Blogger dopo aver letto una proposta di collaborazione assurda, foto Andrea Piacquadio

I criteri usati da Travel Blogger Italiane per scegliere i migliori hosting WordPress

Per scegliere l’hosting giusto per il tuo blog devi considerare diversi aspetti. In particolare ti suggerisco di infomarti sempre su prestazioni dei server, qualità del Servizio Clienti, possibilità di accedere al backend e con quali software, numero di backup proporzionati alla tua frequenza di pubblicazione, possibilità di creare copie di staging per provare le modifiche prima di pubblicarle.

Il miglior hosting WordPress è quello basato sulle tue esigenze

Naturalmente, le esigenze di un blogger principiante che si accinge ad aprire ora il suo primo blog in WordPress e di un blogger professionista sono molto diverse, e diversamente viene valutato il costo dell’hosting. Spendere qualche centinaia di euro l’anno per un hosting di ottima qualità con servizi premium è una spesa necessaria per i blogger con un alto volume di traffico, mentre sono una spesa proibitiva per i nuovi blogger.

Il consiglio quindi è di considerare innanzitutto il numero di visite mensili e la frequenza di pubblicazione perché sono i dati più importanti per scegliere l’hosting per un sito web. Per definire gli hosting WordPress migliori per blogger ho utilizzato proprio questo criterio.

Al contrario, lo spazio disponibile non dovrebbe essere una priorità perché un blog non è un contenitore dove salvare le proprie immagini, ma deve cercare di essere il più possibile snello, e di conseguenza veloce. Un travel blog con molte immagini e diversi anni di anzianità, in base alla mia esperienza, non dovrebbe superare i 5 GB se ben ottimizzato.

La lista dei migliori hosting WordPress per blogger nel 2022

In base a tutte le considerazioni effettuate fino a questo punto, ecco la lista sempre aggiornata dei migliori hosting per blogger con WordPress preinstallato. Sotto ogni web hosting ho riportato le motivazioni per cui l’ho scelto e per quali blogger è consigliato.

Siccome noi Travel Blogger Italiane crediamo nella trasparenza sopra tutto, sono sì hosting con un programma di affiliazione, ma sono hosting provati personalmente o per progetti lavorativi. SiteGround per esempio uno degli hosting WordPress con cui lavoro quotidianamente. Lo stesso vale per Greenora Hosting che consiglio come migliore alternativa economica per blogger che vogliono risparmiare, mentre gli altri hosting sono stati testati da me per progetti miei o perché ho gestito siti di clienti.

1) SiteGround

Quando un blog inizia ad avere numerose visite mensili, per continuare a crescere e ottenere risultati ancora migliori deve rivolgersi a un hosting di qualità superiore. SiteGround da questo punto di vista è fantastico perché si appoggia alla rete Cloud di Google, offrendo quindi una velocità impareggiabile.

Per scegliere WordPress più adatto a un progetto professionale vanno anche considerati i servizi aggiuntivi che offre. Riguardo a SiteGround, per me è davvero comodo Site Tools, l’interfaccia personalizzata per gestire il backend del sito, ovvero la parte tecnica di creazione e-mail, installazione certificati SSL e impostazioni come gli aggiornamenti automatici.

Le altre aziende di web hosting utilizzano software standard come cPanel o Plesk che fanno la stessa cosa, ma a mio parere Site Tools è davvero più semplice e intuitivo da utilizzare. Inoltre SiteGround offre backup giornalieri e la possibilità di creare copie di staging per fare test illimitati sul tuo blog prima di cambiare la grafica o aspetti più importanti come la struttura stessa del sito.

Unico difetto il costo che dopo il primo anno lievita considerevolmente, motivo per cui sto spostando i miei siti più piccoli altrove. Prezzo da 16 €/mese (primo anno promo 5,99 €/mese).


Computer con schermata hosting SiteGround

3) Greenora Hosting

Il miglior hosting economico per blogger è senza dubbio Greenora Hosting, perfetto per chiunque è all’inizio della sua avventura nel blogging. La qualità di questo hosting è ottima perché si appoggia alla rete di Amazon AWS. In pratica il tuo blog è ospitato sulle server farm di Amazon in Europa e in Italia.

Come velocità è paragonabile alla rete di Google, quindi se il tuo blog è ben strutturato può beneficiare di una rete veloce. Il costo è contenuto perché i servizi associati all’hosting sono ridotti all’essenziale, ma se non pubblichi nuovi articoli tutti i giorni, quattro backup settimanali sono sufficienti.

Puoi leggere la recensione di Greenora Hosting sul magazine e, solo per i nostri lettori, c’è la migrazione gratuita + uno sconto esclusivo del 15% inserendo il codice TRAVELBLOGGERITALIANE al momento del pagamento. Inoltre, il servizio clienti è davvero disponibile.

Prezzo da 1,99 €/mese.

Codice sconto: TRAVELBLOGGERITALIANE


Computer con banner Greenora Hosting

3) VHosting

Un’altra soluzione molto buona per i nuovi blogger è VHosting perché offre dei piani hosting low cost scalabili. Questo significa che si può acquistare il piano più economico e passare a un piano con migliori prestazioni appena il blog inizia a crescere e avere maggiori visitatori. Il tutto senza dover fare migrazioni.

In particolare i piani low cost di VHosting sono perfetti per chi ha un budget limitato e un blog con poco traffico. Nonostante sia economico, questo hosting è comunque decisamente stabile e affidabile perché i server sono configurati in modo ottimale e vengono effettuati backup giornalieri.

Per contro, nei piani più economici VHosting utilizza Plesk invece che cPanel come pannello di controllo e l’assistenza avviene tramite ticket. Tuttavia per un blog di piccole dimensioni sono sufficienti e la live chat di supporto e cPanel sono disponibili nei piani WordPress adatti a siti più grandi.

Prezzo da 2,54 €/mese


Hosting VHosting

4) Scala Hosting

Se cerchi un hosting affidabile, veloce ed economico, Scala Hosting funziona molto bene. Quest’hosting web è specializzato nell’hosting VPS, Virtual Private Server, indicato per siti professionali con migliaia di visite al mese. Tuttavia ha anche piani più economici per hosting WordPress condiviso, ovvero il tipo di hosting perfetto per blog medio/piccoli che vogliono spendere il giusto.

Prezzo da 3,95 $/mese (primo anno promo 5,95 $/mese).


Computer con schermata hosting WordPress Scala Hosting

5) MisterDomain

Ho acquistato il mio primo hosting e dominio per il mio travel blogger personale Pasta Pizza Scones su MisterDomain, prima di spostarlo su SiteGround. Come hosting fa il suo lavoro e costa molto poco. Al contrario di altri hosting utilizza Plesk come pannello di controllo invece di cPanel. L’assistenza viene gestita tramite ticket. Consigliato come primo hosting WordPress.

Prezzo da 1,50 €/mese.


Computer con schermata MisterDomain

Conclusioni sui migliori hosting WordPress 2022

Sopra ti ho indicato le opzioni migliori per hosting WordPress, basandomi sulla mia esperienza che hosting che uso attualmente per lavoro, o che conosco perché ho usato in passato per clienti o progetti. A parte escludere gli hosting peggiori, aziende che proprio lavorano male, per un blogger all’inizio non c’è nulla di male a scegliere un hosting web in base al costo.

Considera però che gli hosting economici con pochi servizi vanno bene quando si è all’inizio, non si hanno ancora molte visite e il blog non è ancora indicizzato su Google. Nel momento in cui si vuole fare sul serio è importante essere consapevoli che è necessario anche avere ottime prestazioni da parte dell’hosting web, per gestire picchi di traffico senza influire sulla velocità di caricamento.

Sei un’azienda di hosting e vuoi una valutazione da blogger

La lista dei migliori hosting 2022 non è ovviamente esaustiva perché non li ho provati tutti. Se sei un’azienda e offri soluzioni hosting puoi far testare e recensire il tuo servizio a Travel Blogger Italiane. Nel caso la nostra valutazione sia positiva potresti comparire tra i migliori hosting 2023 😃

📌 Salva questo post su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

11 commenti

Nadia 02/07/2021 - 09:15

Per chi è alle prime armi e conosce ancora poco l’ambiente è difficile scegliere su quale hosting far crescere il proprio blog. Far parte di una community come le Travel Blogger Italiane mette però nelle condizioni di poter chiedere alle colleghe consigli in merito. È positivo anche poter contare su un hosting pensato su misura per noi!

Rispondi
Paola Bertoni 04/07/2021 - 08:32

Grazie ♥︎ l’obiettivo è proprio creare dei servizi su misura per noi blogger!

Rispondi
Francesca Minnella 02/07/2021 - 21:34

Grande Paola, un articolo utilissimo per le Travel Blogger!

Rispondi
Paola Bertoni 04/07/2021 - 08:43

Grazie! Pochi lo sanno, ma la scelta dell’hosting può fare la differenza per un blogger che inizia a crescere

Rispondi
valeria+polverino 16/07/2021 - 09:46

Questo post capita nel momento giusto perchè ho l’hosting in scadenza fra un mese e sto valutando un cambio.

Rispondi
Paola Bertoni 17/07/2021 - 15:40

Ottimo! Facci sapere la tua preferenza e considera che un mese è il tempo giusto per cambiare, non arrivare all’ultimo minuto perché alcuni hosting economici sono abbastanza problematici nel “lasciarti andare”

Rispondi
Martina Bressan 04/07/2022 - 19:02

Io avevo SiteGround e mi trovavo molto molto bene solo i costi con il tempo sono diventati insostenibili ! Così ho deciso di cambiare hosting e ora mi appoggio a Vhosting. Per adesso non va male, ma sto ancora monitorando la situazione…

Rispondi
Martina 08/07/2022 - 10:18

Sto seriamente pensando di cambiare Siteground a favore di un altro hosting e questo articolo fa proprio al caso mio!

Rispondi
Claudia 22/07/2022 - 09:30

Per ora ho provato Aruba, Siteground e VHosting e concordo con te nel lasciare perdere Aruba che va bene solo se hai un sito statico che non aggiorni quasi mai e non hai bisogno di chissà quali contatti con l’assistenza. Tra Siteground e VHosting vince ovviamente Siteground peccato che sia così costoso da potersi permettere solo il primo anno di offerta speciale. Con VHosting ho avuto parecchi problemi e l’assistenza non mi è piaciuta, è vero che risponde 24 su 24 ma, di notte, se non è presente un secondo livello tecnico, è possibile che il problema te lo risolvano solo la mattina dopo.

Rispondi
Eliana 19/08/2022 - 10:15

Hai proprio ragione a dire che il miglior hosting è quello fatto su misura per le nostre esigenze, infatti io utilizzo quello di WordPress perché mi garantisce tanto spazio e assistenza h24 molto utile! Mi piacerebbe provare qualcosa di più green ma per ora i vantaggi superano gli svantaggi quindi non penso che cambierò nell’immediato.

Rispondi
Samanta Berruti 16/09/2022 - 10:11

La scelta dell’hosting è non solo difficile, quanto spesso fonte di crucci e dubbi per moltissimi blogger esordienti. Io mi affidai a un tuo articolo e scelsi Siteground, scelta che sin’ora si è rivelata adatta adatta alle mie esigenze. Grazie mille!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR