Home Idee di viaggioCittà sorprendenti Matera: la bellissima città fra sassi e luci
Matera: la bellissima città fra sassi e luci

Matera: la bellissima città fra sassi e luci

4 commenti

La famosa Matera, chiamata anche Città dei Sassi, è diversa da qualsiasi cosa si possa immaginare. Essa possiede due facce che quasi stridono tra di loro, come se fossero monumento a perenne monito del suono prodotto dagli utensili dell’antichità, utilizzati per scavare le sue caverne.

Un lato rustico e addirittura tenebroso, nella città bassa, e un altro vivace, giovane e pieno di vita, nella città alta. Questo strano crogiuolo di caratteristiche rivela uno dei tesori senza dubbio più stimolanti d’Italia, la piccola città storica di Matera, che dona tante attrazioni bellissime da vedere.

La storia di Matera

Conosciuta anche come la Città Sotterranea, fu costruita sul bordo di una gola rocciosa dell’attuale Basilicata, nell’Italia meridionale, nell’era preistorica.

È uno dei luoghi più antichi del mondo abitato dall’uomo e ancora oggi conservato. A quel tempo gli abitanti vivevano, o meglio, si rifugiavano in grotte e caverne scavate nella roccia.

Le grotte, scavate nell’arco di molti secoli in modo caotico, formano dei veri e propri labirinti. È surreale in quanto sembra veramente l’ambientazione di un altro pianeta.

Matera: la bellissima città fra sassi e luci
La gola rocciosa in cui fu costruita Matera

Molti anni dopo, tra l’VIII e il XIII secolo, i monaci membri della Chiesa greco-bizantina si rifugiarono in queste casegrotte dopo essere stati espulsi dal loro territorio. Questo spiega il gran numero di chiese rupestri costruite all’interno delle grotte di Matera, le quali ammontano a quasi 150.

Visitare la città è come tornare indietro nel tempo, letteralmente. È inoltre sorprendente come le fondamenta della città siano rimaste praticamente intatte per così tanti secoli.

Matera: la costruzione della città alta

Dopo il XVII secolo la città alta cominciò a svilupparsi. Apparvero grandi palazzi, conventi, monasteri. Un innovativo sistema idraulico fu creato per rifornirla d’acqua potabile, impresa non semplice, visto che si trova su un dirupo.

A tal proposito si può ancora visitare l’enorme cisterna sotterranea, posizionata sotto la piazza principale, chiamata Palombaro Lungo, risalente anch’essa al XVII secolo con una capacità di 5 milioni di litri d’acqua. Dimensione superata solo dalla Basilica Cisterna della vecchia Costantinopoli (attuale Istanbul).

Matera: la bellissima città fra sassi e luci
La città alta di Matera

Ma mentre la città alta prosperava, quella bassa cadeva sempre più nel vortice dell’incuria e del degrado. Più di 15.000 persone vivevano miseramente nelle casegrotte condividendo lo spazio domestico con gli animali. Nel 1950 i residenti furono costretti dal governo a trasferirsi in altre aree, vista la mancanza assoluta dei requisiti minimi di salubrità.

Questa fu l’epoca in cui Matera divenne la vergogna nazionale.

È, infatti, assurdo pensare adesso che fino a pochi anni fa potessero esistere dei simil-uomini delle caverne, senza luce né acqua, in una precaria situazione sanitaria che dormivano e mangiavano insieme agli animali; un vero e proprio covo di malattie come il colera e la malaria.

Matera: la città fantasma

I Sassi di Matera hanno costituito una città fantasma fino agli anni ’80, quando una legge nazionale ha stanziato fondi per il recupero dell’area storica, oggi divisa in Sasso Caveoso e Sasso Barisano.

Nel 1993 l’UNESCO ha dichiarato l’area Patrimonio dell’Umanità e nel 2019 la città è stata eletta meritatamente Capitale della Cultura.

Come detto, Matera è formata da due parti distinte e assolutamente complementari.

Le casegrotte

Ad oggi le casegrotte non sono più abitate stabilmente, ma sono state trasformate in hotel e residence di lusso o negozietti di prodotti tipici. Tutto ancora molto ben conservato.

Per vedere le condizioni di vita in quegli anni, per capire esattamente come un materano viveva, si può fare un tour per le casegrotte che ancora conservano gli arredi e accessori degli inizi del ‘900.

Sarà incredibile vedere come un ridotto spazio, in cui ogni mobilio era ottimizzato come volume d’ingombro, poteva ospitare famiglie numerose e addirittura animali da stalla.

Interno casa grotta Matera

L’interno di una casagrotta con gli arredi e accessori degli inizi del ‘900

Matera è una sorta di città costruita su strati di storia. Attira ogni anno molti turisti che cercano questo contrasto tra il nuovo e il vecchio, tra il silenzio e l’agitazione, tra il sofisticato e il rustico. Non a caso è stata palcoscenico per diversi film come La Passione di Cristo di Mel Gibson e, più recentemente, Wonder Woman. Un vero set cinematografico.

📌 Salva questo post su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

4 commenti

Domenica - Mimì Palamara 30/04/2021 - 17:41

Matera non so dimentica!
Ti entra nel cuore e ti strega, con il suo biancore e i riverberi fra i suoi sassi.

Splendido articolo Barbara!
Complimenti! E Complimenti a questo splendido magazine

Rispondi
Eliana 01/05/2021 - 09:43

Matera è fenomenale! Non ci sono mai stata ma dedidero sempre di più vederla a furia di vedere foto, video e materiale inerente! Che dire, una città unica nel suo genere!

Rispondi
Babi| Wanderlust in Travel 10/05/2021 - 16:32

Grazie a tutte per le bellissime parole!
Matera a me è piaciuta tantissimo, spero di aver condiviso con voi un pochino della mia esperienza in Basilicata!

Un abbraccio a tutte!

Rispondi
Claudia 14/05/2021 - 06:34

Matera è sorprendente, credo sia unica nel suo genere. Soprattutto al tramonto e di notte quando sembra ancora più surreale 😍

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy