Home Idee di viaggioCittà sorprendenti Bologna: passeggiando nel cuore della città
Bologna: passeggiando nel cuore della città

Bologna: passeggiando nel cuore della città

4 commenti

Bologna ha molto da offrire ai visitatori: il centro della città è piuttosto compatto, le strette strade medievali sono luoghi piacevoli in cui passeggiare e nascondono angoli di straordinaria bellezza.

Anche se in poche ore non è possibile cogliere l’essenza profonda di Bologna, se ne può avere un delizioso assaggio che invoglierà sicuramente a tornare con più calma.

Piazza Maggiore e le Due Torri

Piazza Maggiore è la piazza principale di Bologna, la Piazza Grande cantata da Lucio Dalla (anche se ultimamente c’è chi ha affermato che il cantante si riferisse a Piazza Cavour, un’altra bella piazza bolognese). La piazza ospita il trecentesco Palazzo d’Accursio, sede del Comune, e la Basilica di San Petronio con la caratteristica facciata rimasta incompiuta.

Nel 1530 la Basilica di San Petronio ospitò uno dei più importanti eventi della storia: fu scelta infatti da Carlo V come sede per la sua incoronazione di Imperatore del Sacro Romano Impero da parte di Clemente VII. Poco più in là, al centro dell’attigua Piazza del Nettuno sorge la fontana omonima, realizzata nel 1565 dal Giambologna, oggi uno dei simboli della città.

Proseguendo su Via Indipendenza in direzione delle famose due torri si può fare una sosta per un caffè di qualità da Terzi in via Oberdan. È difficile districarsi nella scelta tra le tante pregiate miscele a disposizione: in questo caso basta affidarsi agli esperti baristi.

La Torre degli Asinelli, costruita nel 1109, è la più alta ed è aperta ai visitatori (o perlomeno a quei visitatori che se la sentono di salire 498 gradini). L’altra torre è la Garisenda che, a causa di un cedimento del terreno, ha cominciato a pendere e, per evitarne il crollo, è stata “abbassata”.

Dante, che fu studente all’Università di Bologna, ne parla nel XXXI Canto dell’Inferno:

Non mi poriano già mai fare ammenda del
lor gran fallo gli occhi miei, sed elli
non s’accecasser, poi la Garisenda
torre miraro co’ risguardi belli,
e non conobber quella (mal lor prenda)
ch’è la maggior de la qual si favelli….

Piazza Maggiore vista dai portici

Piazza Santo Stefano e i Portici

Assolutamente consigliata una visita a Piazza Santo Stefano, la piazza più amata dai bolognesi. Non è difficile capirne il motivo. Con la sua atmosfera intima, il pavimento lastricato, la bellissima basilica che si staglia di fronte al visitatore e gli eleganti portici laterali, più che una piazza sembra un delizioso salotto.

D’estate si riempie di tavolini dei bar all’aperto e di bolognesi a passeggio. Qui il secondo week end di ogni mese si tiene un interessante mercato dell’antiquariato. Imboccando Via Farini, sotto gli eleganti portici, ci si ritrova nella zona dei negozi dei brand di lusso.

I portici rappresentano una delle caratteristiche più peculiari di Bologna: è infatti possibile percorrere chilometri nel centro storico passeggiando sotto queste eleganti arcate. È recente la notizia dell’approvazione della candidatura dei Portici di Bologna a sito Patrimonio dell’Umanità.

Proseguendo su Via Farini è possibile fare una sosta al bar più elegante di Bologna: lo storico Caffè Zanarini. Questo è “il” luogo d’incontro dei bolognesi, dove si è sempre andati per vedere ed essere visti. Eccellente il loro caffè con panna.

Il Quadrilatero e via D’Azeglio

Procedendo sotto i portici del Pavaglione si incontra il Museo Civico Archeologico, la cui collezione egiziana è tra le più importanti in Europa, ed il Palazzo dell’Archiginnasio, sede originaria dell’università più antica d’occidente, fondata nel 1088.

Il nome dei Portici del Pavaglione ha una storia curiosa: Bologna per quattro secoli, fino alla metà del 1700 fu la capitale europea della produzione della seta. Sulla piazza antistante il portico si svolgeva il mercato dei bachi da seta sul quale veniva installato un padiglione in legno per proteggere mercanti, acquirenti e merce (il pavillon in francese e, appunto, pavajon in dialetto bolognese).

Imboccando, sulla destra, Via dei Musei si sbuca sotto il caratteristico Portico della Morte. Qui si trova uno dei negozi storici di Bologna, ovvero la più antica libreria della città: Nanni, specializzata in libri rari. Giosuè Carducci e Federico Fellini furono clienti abituali.

Proseguendo su via dei Musei si arriva in Via Clavature, deliziosa stradina pedonale nel centro del quadrilatero bolognese. Il Mercato di Mezzo è un antico mercato di origine medievale ora ristrutturato e trasformato in una food hall che ospita prodotti e produttori locali. Ottimo posto per uno spuntino. Le stradine pedonali della zona ospitano il mercato della frutta e vari negozi di gastronomia dove acquistare prodotti dell’eccellenza emiliana.

Il Mercato di Mezzo è un antico mercato di origine medievale

Da Piazza Maggiore si va verso Via d’Azeglio, una deliziosa strada medievale contornata da belle case color ocra. Qui si trova la casa di Lucio Dalla (all’angolo con piazza dei Celestini) ora museo dedicato all’artista.

Questo itinerario è solo una breve introduzione al cuore di Bologna, luogo accogliente e vivace. La città emiliana è una meta perfetta per un week end: accoglie il visitatore in maniera sorridente e cordiale, offrendo buon cibo, cultura, storia, tradizione ed innovazione.

📌 Salva questo post su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

4 commenti

Domenica 26/03/2021 - 12:25

Mi sono innamorata di Bologna già dalla prima volta che ci sono stata! E’ una città a misura d’uomo, fruibile e ricchissima di antica cultura! La tua descrizione del centro storico, mi trova concorde! Spero solo di poterci tornare al più presto!

Mimì

Rispondi
Eliana 28/03/2021 - 11:26

Bologna è la mia città italiana preferita in assoluto, l’ho conosciuta grazie alla mia storia d’amore a distanza e grazie al mio compagno l’ho amata dal primo istante. Un sogno ce l’ho: abitarci! Chissà, magari un giorno!

Rispondi
Federica Assirelli 29/03/2021 - 09:58

È stata la mia città d’adozione per 11 anni e, anche ora, ci abito vicino. Il centro storico è per me uno dei più belli d’Italia. Sia esteticamente che come atmosfera che si percepisce!

Rispondi
Marina 04/04/2021 - 13:03

Con Bologna è stato amore a prima vista! La sento come una città del cuore, ne amo l’architettura, il cibo, l’atmosfera e l’accento delizioso dei bolognesi!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy