Home Borghi Marostica, la città dei ciliegi e della partita a scacchi
La piazza di Marostica

Marostica, la città dei ciliegi e della partita a scacchi

2 commenti

Marostica è un gioiellino medievale, una città che ha come cornici le Pre-Alpi Venete e, come sfondo, i prati bianchi dei ciliegi in fiore.
Tra una partita a scacchi, una visita al castello, una passeggiata tra i suoi vicoli e un’escursione nelle colline vicine, Marostica saprà incantare chiunque deciderà di visitarla.

 

La partita a scacchi di Marostica

Marostica si trova esattamente a metà strada fra Verona e Venezia.
Sarà forse per questa sua collocazione fra due delle città più romantiche al mondo che Marostica nasconde fra le sue mura una storia romantica, una storia da raccontare e da immaginare.
Siamo nel 1454 quando due giovani cavalieri, Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara, innamorati della stessa ragazza, Lionora, decidono di battersi in duello. Il padre di lei, Taddeo, Castellano di Marostica, al fine di evitare spargimenti di sangue, propone una partita a scacchi, “il nobil ziogo degli scacchi“, con pezzi viventi. Al vincitore sarebbe spettata in sposa Lionora e, allo sconfitto, l’altra figlia Oldrada.

Per ricordare questo evento, di cui non si ha una vera prova storica, dal 1954 – il secondo fine settimana di settembre degli anni pari – si rievoca la partita a scacchi con personaggi viventi.

La piazza di Marostica

La piazza degli scacchi di Marostica

La Partita a Scacchi non è una semplice partita, è uno scorcio di vita medioevale. Un evento che oltre ad impegnare tutta la città, rievoca antichi mestieri, balli e stili di vita dell’epoca.

 

Passeggiare tra i ciliegi di Marostica

Ma Marostica non è solo la Partita a Scacchi, è anche paesaggi bucolici.
Le colline attorno a Marostica nascondono prati di ciliegi che, in primavera, si ricoprono di bianco. A maggio poi i petali bianchi lasciano lo spazio alle rosse, grosse ciliegie ed è allora che ci si diverte. Si passeggia lungo i sentieri delle colline che portano al Castello Superiore o ai paesi vicini. E ogni tanto si allunga una mano per rubare qualche “chicco rosso”, attenti a non farsi vedere dai proprietari. La bontà delle ciliegie rubate dagli alberi è impareggiabile!

 

Vista su Marostica

Le colline di Marostica

 

Cosa vedere a Marostica?

Marostica è un paese piccolo, semplice e tranquillo. Non ci sono centri commerciali o grandi negozi, tutto è a misura d’uomo, tutto si raggiunge a piedi e tutto è molto curato.

Imperdibile il Castello Inferiore, costruito nel XIV nella forma di “castello recinto”, oggi è interamente visitabile.
Da qui parte una cinta muraria che porta al Castello Superiore. Il cammino di ronda è stato aperto di recente, ma è utilizzabile solo alla domenica.
Per arrivare al Castello Superiore si può si può salire a piedi, percorrendo un ripido ma affascinante sentiero che si inerpica fra ulivi e cipressi, oppure si può raggiungere in auto, prendendo una strada stretta e tortuosa sul lato ovest della collina.

E fra i due castelli si trova lei, la Piazza degli Scacchi, con la sua scacchiera bianca e nera e con lunghi portici che le corrono tutt’attorno, così da poter visitare Marostica anche se piove.
Le case dai colori tenui, alcune con balconi fioriti e piante rigogliose, fanno da cornice a questa piazza che è sempre in festa. Ci sono quattro porte per accedere alla piazza, attenzione ai sensi unici che cambiano in continuazione!

E per gli sportivi, ci sono tantissimi sentieri che si inerpicano sulle colline, corrono lungo il fiume Brenta o semplicemente attraversano il paese riportando direttamente nel medioevo.

 

I castelli di Marostica

I castelli di Marostica

Viaggiare in Veneto non è solo visitare Venezia o Verona, ma è soprattutto scoprire queste piccole città, perchè è qui si trova la storia, nascosta in ogni singolo mattone, in quella casa ad angolo un po’ ammuffita ma piena di fascino o nel pozzo di ferro battuto un po’ arrugginito.

Questa è Marostica, con i vicoli tranquilli e i suoi abitanti che vi accoglieranno con un pedone in una mano e una ciliegia nell’altra.

 

 

Altri post che potrebbero interessarti

2 commenti

Eleonora 13/05/2019 - 18:33

Ma che incanto! Mi è venuta voglia di fare una passeggiata da qualche parti ed assaggiare anche io un paio di ciliegie rubate! 😝
E poi la rievocazione della partita a scacchi deve essere un evento davvero stupendo!

Rispondi
AnnaDi 14/05/2019 - 01:27

Grazie Eleonora, Marostica è un borgo piccolino, ma davvero caratteristico. Vieni il 2` weedend di sett degli anni pari, così vedi anche la partita.

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy