Home DestinazioniItalia Lago Verde in Valle Stretta: una destinazione mozzafiato per un’escursione adatta a tutti
Lago Verde in Valle Stretta, una valle alpina raggiungibile da Bardonecchia, Piemonte

Lago Verde in Valle Stretta: una destinazione mozzafiato per un’escursione adatta a tutti

3 commenti

Il Lago Verde è un lago alpino davvero spettacolare: il colore dell’acqua in estate è di un verde smeraldo così intenso che non ha eguali, d’inverno bianco coperto di neve. Perfetto per una gita di un giorno da Bardonecchia o da Torino, il Lago Verde è un’ottima destinazione per immergersi in un ambiente da fiaba nella natura incontaminata della montagna.

Perché l’acqua del Lago Verde è verde

La caratterista principale del Lago Verde, o Lac Vert come viene chiamato in francese, che in estate attira un gran numero di escursionisti, è il colore dell’acqua di un incredibile verde smeraldo. In realtà l’acqua del lago è pura, trasparente e incolore come l’acqua di tutti i laghi alpini.

Il verde smeraldo del lago proviene da un’alga che vive sul fondale che gli conferisce questa caratteristica colorazione.

Tuttavia il colore dell’acqua non è l’unica sorpresa del Lago Verde. I tronchi d’albero caduti nel lago si conservano incredibilmente a lungo, senza marcire, creando un contrasto di colore rispetto al verde del lago. I motivi sono principalmente due: gli alberi caduti sono principalmente larici, il cui legno è già di per se resistente alla marcescenza, e le acque del lago hanno un pH tendente all’alcalino, per via dei sali di magnesio contenuti nelle dolomie, le rocce sedimentarie che sovrastano il lago.

Cosa fare in Valle Stretta durante un’escursione al Lago Verde

Il Lago Verde si trova in Valle Stretta, una valle alpina che si estende tra il comune di Bardonecchia, in provincia di Torino, e il comune di Névache, in Francia. La Valle Stretta è un’incantevole area montana frequentata in estate e in inverno. Il paesaggio è ricco di torrenti, boschi e fiori a ogni angolo.

Durante la stagione estiva è possibile fermarsi sulle sponde del Lago Verde per gustare un pranzo al sacco con vista sulle caratteristiche acque smeraldine. Nelle sue acque nuotano numerosi pesci e, seppure non ci siano divieti per fare il bagno, l’acqua è così gelida che non è possibile neanche nei mesi più caldi. In inverno invece il lago ghiaccia e diventa completamente bianco di neve.

Durante l’ultima parte del cammino per raggiungere il lago non ci sono servizi e punti di ristoro, solo natura incontaminata. Nei pressi del parcheggio da cui parte il sentiero invece ci sono una fontana e due rifugi, per ricaricare le borracce o gustare gastronomia montana.

Nonostante i rifugi Re Magi e Terzo Reggimento Alpini siano nella parte francese della valle, la loro cucina è tipica piemontese, con antipasti come acciughe al verde, insalata di fagioli, tomini o affettati, e piatti unici come polenta e formaggi o polenta e salsiccia. Questo perché la Valle Stretta è sempre stata in territorio italiano fino al 1947, quando la parte superiore è entrata a fare parte del dipartimento francese delle Hautes-Alpes.

Panorama della Valle Stretta
Panorama della Valle Stretta

Cosa mettere nello zaino per un’escursione al Lago Verde

Il sentiero fino al Lago Verde è alla portata di tutti, anche per escursionisti poco allenati, ma in buone condizioni di salute. Pur essendoci qualche salita più ripida, il sentiero non presenta mai tratti esposti o pendenze pericolose.

Un buon equipaggiamento per escursioni da una ricerca Idealo è abbigliamento comodo e traspirante, con scarponcini da trekking. Sconsigliate invece scarpe da ginnastica perché essendo un sentiero montano pieno di sassi esiste il rischio di prendere storte. Gli scarponcini da trekking offrono protezione alle caviglie e hanno una suola antiscivolo perfetta anche per le superfici più irregolari.

Nello zaino è indicato portare una maglia pesante e una giacca impermeabile antivento, come per tutte le escursioni in montagna. Oltre naturalmente cibo per un picnic nel verde e borraccia da riempire alla fontana vicino al rifugio all’inizio dell’ultimo tratto del sentiero che porta al Lago Verde.

Come raggiungere il Lago Verde con i sentieri escursionistici, auto e mezzi pubblici

Il Lago Verde si trova a un’altitudine 1834 metri in Valle Stretta, una vallata laterale della Val di Susa. L’area attira ogni anno numerosi turisti italiani e francesi perché è a solo un’ora e mezza da Torino, circa 10 chilometri da Bardonecchia e 30 chilometri da Briançon.

Terra di confine, la Valle Stretta è stata territorio italiano fino alla fine della seconda guerra mondiale, motivo per cui nei rifugi parlano italiano prima che francese, nonostante il Lago Verde sia nel comune francese di Nevache.

Dall’inizio di Pian del Colle, Bardonecchia, il sentiero fino al Lago Verde è lungo circa sei chilometri per circa due ore di cammino. Questa stima vale per le persone allenate ed è un’oretta in più per gli escursionisti della domenica, ma può essere accorciato partendo direttamente dall’area dei rifugi.

L’itinerario fino al Lago Verde è adatto a tutti perché la maggior parte del cammino è semplice da percorrere. Le poche salite ripide sono molto brevi. Il sentiero non è però adatto ai passeggini perché lungo il percorso si trovano grosse radici di alberi e sassi di varie dimensioni. Volendo però è possibile lasciare il passeggino incustodito a metà sentiero tra il rifugio Re Magi e il Lago Verde, come ho visto fare a diverse famiglie.

Il modo più semplice per raggiungere il Lago Verde dall’Italia è arrivare alla località Pian del Colle, nel Comune di Bardonecchia, quindi procedere a piedi facendo tappa al rifugio Re Magi. Il percorso si può abbreviare arrivando in auto fino al parcheggio vicino al rifugio Re Magi.

Lago Verde in Valle Stretta, una valle alpina raggiungibile da Bardonecchia, Piemonte
Lago Verde in Valle Stretta, una valle alpina raggiungibile da Bardonecchia, Piemonte

In auto da Torino a Bardonecchia

Per arrivare al Lago Verde in auto partendo da Torino occorre considerare circa un’ora mezza per arrivare a Bardonecchia. Da Torino il percorso più veloce è l’autostrada A32 direzione Frejus, ma si può anche attraversare tutta la Valle di Susa passando dalla strada statale SS24. Una volta raggiunta Bardonecchia, seguendo la strada provinciale SP216 si raggiunge Pian del Colle da cui parte il sentiero.

Come raggiungere il sentiero per il Lago Verde con i mezzi pubblici

In alternativa all’auto, Bardonecchia e l’Alta Valle di Susa sono raggiungibili in treno con collegamenti ogni ora da Torino, collegata alle altre città italiane con i treni ad alta velocità Italo e Trenitalia.

Nel periodo di alta stagione, a luglio e agosto, una navetta gratuita collega la stazione di Bardonecchia con Pian del Colle da cui parte il sentiero per il Lago Verde. Puoi consultare gli orari delle navette sul sito del Comune di Bardonecchia.

Il percorso a piedi da Pian del Colle

Il sentiero completo per raggiungere il Lago Verde parte dalla località Pian del Colle, a Bardonecchia. Dopo aver lasciato la macchina nel parcheggio sterrato a Pian del Colle, o essere arrivati con la navetta gratuita, c’è un breve tratto di strada asfaltata e quindi il sentiero per il Lago Verde.

Il cammino dura circa un’ora e mezzo fino al rifugio Re Magi. Dopo la prima ora in salita, il sentiero diventa più pianeggiante, tra boschi e prati. Il panorama è molto bello perché quasi tutto il cammino è accompagnato dal corso d’acqua della Valle Stretta.

Il percorso breve dal rifugio Re Magi

Arrivati al rifugio Re Magi parte l’ultima salita, la più ripida, fino al Lago Verde che ci si lascia alle spalle in mezz’ora di cammino. Volendo è possibile iniziare da qui il trekking per raggiungere il lago perché c’è un parcheggio poco prima dei rifugi Re Magi e Terzo Reggimento Alpini, prima della sbarra che segna l’area percorribile solo a piedi.

Gli ultimi chilometri di strada, nonostante il sentiero leggermente più difficile per sassi, radici di alberi e salite più ripide, è davvero memorabile perché regala scenari da cartolina. Le baite nella prima parte del sentiero si alternano a prati fioriti e mucche al pascolo nella stagione estiva.

Il paesaggio cambia nell’ultimo tratto del percorso, quando si addentra in un bosco di pini fitti che nascondono il Lago Verde. L’ultimo tratto richiede maggiore attenzione perché bisogna camminare tra le radici degli alberi, ma la vista del Lago Verde quando si aprono i pini è davvero mozzafiato. Quindi inizia una breve discesa per raggiungere il lago che si trova in una piccola conca.

Informazioni utili per effettuare un’escursione al Lago Verde da Bardonecchia

Il sentiero per raggiungere il Lago Verde è ben segnalato e regolarmente frequentato. Si tratta di un percorso facile e adatto a tutti, con i propri tempi e abbigliamento adeguato. In montagna bisogna prediligere sempre la comodità perché prendere una storta su un sentiero sconnesso è un rischio reale che si può evitare con un paio di scarponcini da trekking anche se non perfettamente instagrammabili.

In caso di dubbi su come arrivare o sul livello di allenamento richiesto per arrivare al Lago Verde è una buona idea chiedere informazioni e cartine all’Ufficio del Turismo di Bardonecchia che si trova nella centralissima via Medail.

Buon sentiero!

.

Altri post che potrebbero interessarti

3 commenti

Cristina 22/12/2022 - 21:16

Che colori intensi che ha questo lago, dev’essere un luogo meraviglioso!

Rispondi
Eliana 24/12/2022 - 14:26

Non avevo mai sentito parlare di questo lago che devo dire rispecchia bene il suo nome. Di sicuro è una meta perfetta per una belle escursione in famiglia e, perché no, anche in solitaria!

Rispondi
Deborah 21/01/2023 - 11:06

Ma che piacevole scoperta! Per noi può venirne fuori un bel week end in moto con trekking annesso!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR