Home Idee di viaggioTurismo culturale Passato e presente dell’automobile al Museo BMW di Monaco di Baviera
Sede della BMW accanto al Museo BMW a Monaco di Baviera, foto Paola Bertoni

Passato e presente dell’automobile al Museo BMW di Monaco di Baviera

0 commento

Trai i musei più amati di Monaco di Baviera c’è sicuramente il Museo BMW, un museo dell’automobile orientato al futuro, con uno sguardo alla storia recente. Un museo per grandi e piccoli, suddiviso per aree tematiche che raccontano in modo originale lo sviluppo della casa automobilistica tedesca.

Il futuro green immaginato dal Museo BMW di Monaco

Una parte del Museo BMW di Monaco di Baviera è dedicato al futuro della mobilità urbana, tema molto sentito dal reparto di ricerca e sviluppo BMW. L’esposizione spiega come ogni parte della produzione della serie BMW sia progettata per avere il minor impatto ambientale possibile, nonostante le autovetture non siano un mezzo propriamente ecologico.

I cartelloni infatti spiegano come moltissimi componenti siano realizzati a partire da materiale riciclato. I tappetini della serie BMW i per esempio erano bottiglie di acqua o succhi di frutta!

Le auto elettriche

Chi è interessato al funzionamento dei motori elettrici in questa sezione del BMW Museum può trovare tutte le risposte. In particolare, è molto interessante scoprire come i nuovi motori elettrici non emettano alcuna anidride carbonica e siano completamente silenziosi, pur mantenendo ottime prestazioni. Una BMW i3 per esempio impiega solo 6,9 secondi per passare da 0 a 100 km/orari.

Anche se tutti immaginano i motori elettrici come una scoperta recente, la loro invenzione è contemporanea a quella delle automobili, intorno al 1830. Il problema del loro mancato sviluppo è legato alla scarsa autonomia, e il Museo BMW racconta le ricerche e i progetti più recenti legati a migliorare questo aspetto.

Auto elettriche della serie BMW i esposte al Museo BMW di Monaco di Baviera, foto di Paola Bertoni
Auto elettriche della serie BMW i esposte al Museo BMW di Monaco di Baviera, foto di Paola Bertoni

La mobilità urbana del futuro

Un’altra area del Museo BMW che potrebbe piacere a chiunque si interessi di mobilità urbana, è quella che riguarda l’urbanizzazione di città e metropoli. La premessa è che la popolazione continua a crescere riversandosi sempre più sulle città, con una percentuale che in Germania oggi è del 75%.

Esiste anche una definizione apposita delle città con più di dieci milioni di abitanti: si chiamano megacity e si trovano prevalentemente nei Paesi in via di sviluppo. Le riflessioni sullo sviluppo di città e aree metropolitane sono fondamentali per immaginare un futuro più vivibile, diverso dalle città di oggi spesso congestionate dal traffico.

La storia dell’auto al Museo BMW

Al Museo BMW sono esposte tutte le auto e le moto che hanno fatto la storia del marchio BMW, suddivise in un interessante ordine tematico. Ampio spazio è dato al design e alle scelte di progettazione di ogni modello, per soddisfare gli appassionati di tecnologia. Al museo infatti sono esposti schizzi e bozzetti, accanto a postazioni interattive con video-interviste ai progettisti e ai team dei modelli BMW più iconici.

Lo stesso museo è un concentrato di design, con allestimenti legati al periodo storico dell’uscita di ogni modello. Le sale più belle sono quelle con modelli BMW più popolari negli anni Sessanta, posti su pedane sormontate da lampade tondeggianti nello stile dell’epoca. Gli allestimenti dei modelli più recenti e dei progetti futuristici invece seguono linee aggressive che rimandano a performance e velocità.

BMW Isetta esposta al Museo BMW di Monaco di Baviera, foto di Paola Bertoni
BMW Isetta esposta al Museo BMW di Monaco di Baviera, foto di Paola Bertoni

La caduta del muro di Berlino al Museo BMW

Per il trentennale della caduta del muro di Berlino, il BMW Museum ha allestito un’area dedicata a questa parte di storia. Protagonista la BMW Isetta, l’iconica utilitaria con portiera di fronte. In Germania questo modello contribuì a far diventare l’automobile un mezzo per le masse, come la Fiat 500 in Italia, ed è esposta di fianco alla ricostruzione di un pezzo di muro.

I modi per fuggire dalla Germania Est negli anni furono tra i più creativi e comprendono funicolari e sottomarini artigianali, ma anche nascondigli nei doppifondi di auto e furgoni preparati all’occorrenza. Nessuna guardia di frontiera però si immaginava che anche la BMW Isetta potesse nascondere delle persone visto le sue minuscole dimensioni!

BMW Isetta nell'esposizione del Museo BMW di Monaco di Baviera per il trentennale della caduta del muro di Berlino, foto di Paola Bertoni
BMW Isetta nell’esposizione del Museo BMW di Monaco di Baviera per il trentennale della caduta del muro di Berlino, foto di Paola Bertoni

Il Museo BMW è sicuramente una tappa imperdibile per chiunque visiti Monaco di Baviera, appassionato di auto o semplice turista.

📌 Salva questo post su Pinterest

.

Altri post che potrebbero interessarti

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy