Home Blogging Guida ai trucchi per crescere velocemente su Instagram oggi
Computer e cellulare con Instagram, foto Annalisa Spinosa di Tre Valigie

Guida ai trucchi per crescere velocemente su Instagram oggi

14 commenti

Gli aspiranti travel blogger e travel influencer si chiedono sempre come fanno le persone famose su Instagram ad avere sempre così tanti like e crescere in maniera costante. Saranno davvero like e follower genuini oppure c’è qualche trucco? La risposta senza filtri è che per i pochi veri influencer che si sono costruiti una carriera con onestà e competenza, molti altri hanno utilizzato e continuano a utilizzare scorciatoie per gonfiare i loro risultati. In questo post puoi leggere come, senza nessun giudizio, ma analizzando i pro e contro di questi comportamenti.

Crescere su Instagram con i bot

Fino a poco tempo fa gli aspiranti influencer potevano crescere molto velocemente usando i bot, come spiegato nell’articolo sui bot per Instagram. Nonostante l’avversione di alcune persone a tutte le automatizzazioni, i bot si potevano anche utilizzare in modo più etico. Ovvero senza le sgradite tattiche di follow/unfollow, bensì per raggiungere ed entrare in contatto con profili simili.

Il problema è che davvero molti wannabe influencer avevano usato i bot in modo così aggressivo da perdere il contatto con la propria community. Molti di loro che oggi hanno oltre 40.000 follower hanno utilizzato il metodo del follow/unfollow regolarmente per anni. Per questo però non si può dare la colpa ai bot che erano solo programmi per automatizzare task (like e commenti). Un programma per computer fa solo ciò che gli viene detto di fare.

Per colpa dell’abuso delle tecniche automatizzate per crescere sul social network, nel 2018 Instagram aveva iniziato a prendere provvedimenti abbastanza drastici verso i bot. Aveva infatti bloccato e sospeso migliaia di profili che li utilizzavano.

Per esempio Nitreo era un bot molto popolare strumento di automazione di Instagram che utilizzava follow/unfollow, ma in seguito agli interventi di Instagram gli utenti hanno segnalato una crescita ridotta e il ban di molti account. Così come Kicksta, considerato fino a qualche anno fa lo strumento di crescita più potente sul mercato, ma che ha portato al ban definitivo di molti utenti da Instagram.

Vale la pena chiarire che gli interventi di Instagram contro i bot non sono stati fatti per amore dell’etica, sia chiaro. Bensì perché se una parte consistente di like, commenti e follower era automatizzata diventava difficile poter vendere pubblicità e invitare gli utenti a sponsorizzare i propri post.

Di conseguenza la maggior parte dei bot è stata chiusa perché portava al blocco dei profili. Questo nonostante potessero essere un valido aiuto nella crescita, se utilizzati in modo professionale e limitato all’entrare in contatto con profili simili.

L’alternativa ai bot per Instagram

Non potendo più utilizzare i servizi di bot o programmi che chiedevano la password, gli influencer che volevano crescere in fretta hanno dovuto rivolgersi a nuovi servizi a pagamento. L’alternativa per crescere velocemente infatti, a parte qualche post diventato virale o una comparsata sui media nazionali, è quella di far diventare i social un lavoro, passandoci almeno quattro ore al giorno.

Facendo un rapido calcolo di tempo investito per guadagno ottenuto, non vale assolutamente la pena passare così tanto tempo sui social network. Per esperienza personale, il blog è un business molto più redditizio perché la scrittura degli articoli richiede certamente più tempo, ma si indicizzano e rimangono visibili anche dopo anni. I contenuti dei social network invece durano da poche ore a pochi giorni, rendendo la produzione di contenuti un lavoro senza fine.

Questo ragionamento vale per quasi tutti, tranne pochi, rari casi di persone che sono riuscite a costruirsi un vero business grazie a Instagram. Nella maggior parte dei casi gli influencer su Instagram infatti ottengono solo qualche prodotto gratis o possono guadagnare con le affiliazioni, rischiando però di trasformare il proprio profilo in una costante televendita.

I servizi di gestione account

I servizi di bot si sono quindi trasformati in servizi di influencer manager o gestione account. Non soffermarti alla descrizione perché il servizio è sempre lo stesso. In genere non è un servizio economico come i bot e per ottenere risultati visibili è necessario investire qualche centinaio di euro al mese. Si tratta di una persona che mette like, commenti e guarda le Stories al posto tuo. L’account manager si trova quasi sempre all’estero, in Paesi più economici con molte persone che parlano italiano come seconda lingua, come Romania, Albania, ecc.

Tuttavia non tutti i servizi di like, commenti e Story view sono inavvicinabili, facendo qualche ricerca su internet puoi trovare prezzi più bassi. Per esempio Instaboom è un servizio di gestione account Instagram spagnolo che funziona molto bene e con un prezzo decisamente migliore se scegli l’abbonamento trimestrale. Socialmonk invece è un servizio tedesco con costi ancora più bassi (talvolta ci sono offerte con sconti del 50%).

In alternativa esistono anche programmi come Like4Like che si comportano come dei pod automatizzati, ovvero scambiano like in modo automatico tra gli utenti iscritti per far salire l’engagement rate.

I servizi di like, commenti e Story view

Se cerchi un’alternativa ancora più economica, ci sono i siti web che vendono direttamente like e follower. Non servono a crescere in maniera organica e non portano benefici reali agli account Instagram perché aumentano solo le vanity metrics. Ovvero i numeri che impressionano gli utenti e le aziende non esperti. Questo va bene se vuoi collaborare solo con aziende interessate ai numeri (purtroppo ce ne sono ancora troppe).

Se devi vendere un tuo prodotto servono le conversioni, cioè le persone che comprano cosa promuovi. Non è chiaro per tutti, ma le conversioni non sempre vanno di pari passo con l’engagement, ovvero il numero di like e commenti ricevuti. Si può anche avere un engagement altissimo, ma non vendere niente perché è dato dall’insieme degli strumenti utilizzati online per risultare popolari, come molti influencer sanno.

In ogni caso, tutto si può comprare e alcuni servizi online offrono anche like e follower gratis per provare. Per esempio puoi ottenere 25 like gratis su Poprey su un post Instagram a tua scelta. Può essere un modo per far crescere i like su un post non particolarmente apprezzato dai follower, tuttavia non è un modo valido per crescere sul lungo periodo.

Hai mai usato bot o servizi Instagram di questo tipo? Condividi la tua esperienza nei commenti, qui non c’è giudizio (solo per chi fa finta di avere una crescita naturale quando non è vero 😃)

.

Altri post che potrebbero interessarti

14 commenti

Claudia 08/04/2022 - 08:57

Mai usato i bot, sinceramente cerchiamo di avere follower reali e anche se pochi, che siano realmente interessati ai nostri contenuti!

Rispondi
Claudia 08/04/2022 - 09:01

Effettivamente i social e soprattutto instagram sono quasi un lavoro, per noi è troppo tempo e cresciamo poco alla volta, per ora non vogliamo investire ma un giorno chissà

Rispondi
Martina 08/04/2022 - 14:26

Non conoscevo questi trucchetti per crescere su IG, o meglio ne ho sentito parlare ma non credo di volerli usare…preferisco avere pochi (e quando dico pochi, sono veramente pochi!) follower ma veri! 😉

Rispondi
Sara 08/04/2022 - 15:49

Avevo provato un bot anni fa che faceva follow/unfollow ma non mi era piaciuto per niente e mi sono cancellata subito. Mi sto un po’ allontanando dai social perchè rischia di diventare davvero una dipendenza senza raggiungere chissà quali risultati. Come hai scritto preferisco lavorare al blog, che piano piano sta crescendo sempre di più e il lavoro da i suoi frutti anche dopo anni!

Rispondi
Teresa 09/04/2022 - 17:03

Non ho mai usato bot, piuttosto sponsorizzate per crescere con follower interessati. Ma comunque trovo molto difficile crescere con IG! Va meglio con FB, che aiuta a spingere gli articoli del blog. Devo dire però che non ho ancora testato i reel.

Rispondi
CRISTINA 09/04/2022 - 17:15

Non li ho mai usati perchè credo nel valore della community e ritengo assurdo avere 1000 fw in più solo per dimostrare ad un’agenzia di essere “grande” penso sia meglio esser piccola ma con un grande engagement

Rispondi
Eliana 10/04/2022 - 10:34

Instagram è un social che sto usando sempre meno, mi porta poco traffico al blog e non vedo mai una crescita reale nonostante io pubblichi con una certa regolarità. Forse sbaglio qualcosa ma ogni volta che ci vado non sono proprio serena rispetto a questo social, preferisco Facebook di gran lunga!

Rispondi
Federica Assirelli 11/04/2022 - 09:54

No, non ho mai usato nessun espediente nonostante la crescita sia veramente bassissima negli ultimi anni. Un tempo era più semplice. Mi dispiace, perché è il social che amo di più, ma anche quello che mi dà di meno. Credo che sia bene dedicare più tempo ad altri canali come il blog e la newsletter.

Rispondi
Martina Bressan 11/04/2022 - 12:12

Ciao Paola, so che esistono dei Bot ma non ne ho mai usati. Non conoscevo, invece, i servizi di like, commenti e Story view. Poprey di cui parli l’hai provato direttamente tu? sono sempre un po’ scettica nel provare questi strumenti. La crescita del mio profilo IG negli ultimi anni è davvero bassa, perchè bisogna dedicarci molto molto molto. A volte penso che sia semplicemente meglio dedicare il tempo al blog e tralasciare IG…

Rispondi
Marina 22/04/2022 - 16:58

Io non amo troppo Instagram ed infatti ho numeri bassissimi, ma non ho mai pensato di usare scorciatoie, anche perché non avrei neanche tempo e voglia di seguire un numero alto di followers. Magari sbaglierò ma preferisco dedicare le mie energie al blog

Rispondi
Annalisa 14/05/2022 - 07:21

Ho usato un bot una volta, quando mi occorreva pubblicizzare il blog tour da me organizzato. Mi sono trovata molto bene sinceramente. Dopodichè, e chi mi conosce lo Sto arrivando!, ho sempre fatto crescere il mio profilo in maniera organica, passando anche tre ore su Ig al giorno. Questo perchè sono brand ambassador, micro influencer e content creator, quindi guadagno con le aziende che mi chiedono collaborazioni. Non è molto il ricavo ma uso i soldi per investire sulla mia formazione, in continuo aggiornamento. E’ sempre un di più che non disdegno.

Rispondi
Valentina 16/05/2022 - 16:20

Non ho mai usato bot, ho solo fatto qualche sponsorizzata ogni tanto. Preferisco essere apprezzata da utenti reali, anche se a volte penso che effettivamente farebbe comodo un qualche numerino in più… anche se poi non è così importante!

Rispondi
Lucia 30/05/2022 - 13:35

Non conoscevo tutti questi trucchi per crescere su instagram. Penso che il segreto sia dedicare molte ore alla piattaforma infatti solo rispondendo a tutti e commentando i post degli altri si riescono ad ottenere discreti risultati. Purtroppo non è sempre possibile perchè a volte il tempo è tiranno.

Rispondi
Lara 11/09/2022 - 22:44

Non ho mai usato bot o utilizzato altri diciamo “giochetti”, credo nei follower veri, anche se è sempre più dura crescere e un po’ questo social mi sta pure stufando, perchè crescere è davvero dura!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR