Home Idee di viaggioBorghi da scoprire Tre borghi in Puglia da vedere in provincia di Foggia
Panorama su Bovino

Tre borghi in Puglia da vedere in provincia di Foggia

11 commenti

Quando si pensa alla Puglia le prime immagini che evoca la mente riportano inevitabilmente a Gargano e Salento. Eppure alcuni dei più caratteristici e autentici borghi di Puglia si trovano invece in quella parte di regione spesso dimenticata che porta il nome di Daunia. Ne sono esempio Bovino, Sant’Agata di Puglia e Accadia, tre borghi pugliesi in provincia di Foggia, uniti da particolarità e bellezza.

Bovino: il borgo più bello di Puglia

Bovino è un borgo in provincia di Foggia situato al confine con la Campania. Nel 2013 il Touring Club Italiano gli riconosce la Bandiera Arancione a dimostrazione di quanto una visita sia unica e meritevole. Nel 2019 poi, viene selezionato tra i 20 borghi più belli d’Italia e viene eletto il borgo più bello di Puglia.

Non che ce ne sia mai stato veramente bisogno. La bellezza di Bovino è palpabile sin dal primo sguardo. Il profumo del pane appena sfornato inebria l’aria mentre le risa dei bambini intenti a giocare per le strette vie esplodono con gioia. Un borgo in cui i mestieri di un tempo ancora esistono, in cui di vicoli e stradine che si rincorrono tra case e piccole botteghe passano dalla piazza con il Duomo e raggiungono il Castello che domina dall’alto.

Il Duomo di Bovino colpisce per la varietà di stili che lo caratterizzano. Se all’esterno il suo meraviglioso rosone cattura l’attenzione, all’interno il coro ligneo gli ruba la scena. La particolarità è data dagli intarsi e dalle decorazioni che nascondono numerosi riferimenti al paganesimo. Con la giusta guida il Duomo può facilmente diventare la tappa più avvincente di un weekend a Bovino!

Chiesa
La chiesa romanica di Santa Maria Assunta, Duomo di Bovino

In cima al borgo si trova il Castello, l’antica residenza dei duchi di Guevara che oggi è diviso in due parti. La prima ospita il Museo Diocesano, una raccolta di oggetti sacri, gioielli, stampe e manoscritti antichi. La seconda invece è destinata all’ospitalità e permette dunque ai visitatori di dormire in un castello in Puglia.

Sant’Agata di Puglia: il borgo dal vicolo più stretto

Sant’Agata di Puglia si trova a poca distanza da Bovino e rientra quindi tra i borghi di Puglia dei Monti Dauni in provincia di Foggia. A prima impressione potrebbe sembrare un normale paesino come tutti gli altri, ma basta fare quattro passi e incamminarsi per raggiungere la rocca posta in alto per capire che in realtà non è così. Sant’Agata è un borgo pugliese che nasconde vari tesori e detiene addirittura un primato.

Pare infatti che suo sia il vicolo più stretto di Puglia, tanto stretto che si riesce a passare a stento per davvero. La rocca un tempo andava protetta, e vicoli tanto stretti soprattutto per i soldati con le armature, erano considerati una soluzione aggiuntiva alle mura del castello. Visitare sant’Agata di Puglia significa inevitabilmente visitare il castello che un tempo apparteneva a Federico II di Svevia e godere della vista dall’alto sull’intero borgo. Non possono poi mancare la visita all’antico frantoio e al mulino a paglia usato un tempo dal popolo.

Le leggende legate al castello e ai sovrani che si sono susseguiti, sono tra le più svariate. A spiccare però ce n’è una in particolare, quella sulla morte di Agatone per opera del suo barbiere. Pare infatti che per quanto i sovrani fossero amati dal popolo, c’erano “vizi” che non erano visti di buon occhio. Così quando Agatone cerco di esercitare il “diritto della prima notte” sulla sposa del barbiere, questo trovò il modo (silenzioso) di impedirglielo!

Panorama su Sant'Agata di Puglia
Panorama di Sant’Agata di Puglia, uno dei borghi del Monti Dauni

Il Rione dei Fossi di Accadia: borgo fantasma in Puglia

Visitare il Rione dei Fossi di Accadia significa visitare un borgo fantasma. Deve il suo nome alle tante grotte e abitazioni preistoriche chiamate proprio “Fosse” in cui vivevano gli eremiti. Tra i borghi di Puglia è probabilmente quello con il destino più triste. Dal terremoto del 1930 infatti, una parte di Accadia è stata totalmente abbandonata.

Si è cercato più volte di riportare il Rione al suo antico splendore, ma nonostante gli sforzi, tutt’oggi resta abbandonato come un presepe tutto l’anno ma senza comparse.

Ci si accorge subito di essere arrivati alla zona di Accadia che è rimasta disabitata. Si nota una netta distinzione sia nella pavimentazione che nelle costruzioni. Un po’ come varcare il confine ed entrare in una dimensione parallela. Un po’ come varcare il confine tra l’Accadia di oggi e il suo Rione dei Fossi, simbolo di un tempo che non c’è più.

Case in pietra di Accadia
Scorcio del Rione dei Fossi di Accadia

I portoni, tutti chiusi, mostrano grandi pennellate bianche a delineare citazioni che si susseguono a murales colorati. Tutto intorno c’è un silenzio che sembra a tratti quasi insopportabile. Eppure un tempo il Rione dei Fossi di Accadia non era tra i borghi fantasmi, anzi. Era un borgo vivo in cui si chiacchierava dai balconi, ci si conosceva tutti e si faceva festa insieme.

Perché visitare dunque il Rione dei Fossi di Accadia? Perché il rione inquieta e ammalia allo stesso tempo e in un tour dei borghi in Puglia più autentici non può assolutamente mancare.

E’ chiaro dunque che in fatto di borghi i Monti Dauni in Puglia non hanno assolutamente nulla da invidiare a Gargano e Salento. Bovino, Sant’Agata di Puglia e Accadia, sono solo tre tra i tanti borghi in provincia di Foggia, in Puglia, da scoprire.

📌 Salva questo post su Pinterest

Altri post che potrebbero interessarti

11 commenti

Helene 09/07/2020 - 10:58

A parte Alberobello non conosco altro della Puglia ma ho sempre sentito dire che è meravigliosa e conserva località incredibili. Mi segno anche questi tre borghi.

Rispondi
claudia PETTINARI 11/07/2020 - 17:46

Che bello questo piccolo tour pugliese insolito. Non saprei quale borgo scegliere!

Rispondi
paola 12/07/2020 - 22:48

Bellissimi questi pezzetti di Puglia poco conosciuti ma così importanti per storia e paesaggi. L’Italia è piena di questi tesori nascosti.

Rispondi
Giorgia 15/07/2020 - 22:30

Sto organizzando per questa estate un viaggio in Puglia e questo articolo mi è proprio utile, perchè trascorrerò alcuni dei miei giorni proprio da queste parti!

Rispondi
Cla 20/07/2020 - 10:31

Io sto pensando ad un viaggio on the road in Puglia a Settembre, quindi tutte queste informazioni per me sono davvero molto utili.

Rispondi
Alessia 21/07/2020 - 09:53

Ho un debole per i borghi, ancora di più se in pietra e semi abbandonati. Credo troverei pane per i miei denti in questa parte di Puglia che confesso di non conoscere. Grazie per averne parlato!

Rispondi
teresa 21/07/2020 - 16:36

Conosco questi borghi soltanto di nome, ma fino ad ora non ho mai avuto la possibilità di visitarli. Peccato, perchè sembrano davvero fantastici!

Rispondi
alessia 24/07/2020 - 15:14

Non avevo idea dell’esistenza di questi borghi. Della Puglia sentiamo nominare sempre gli stessi posti e scoprire che ci sono luoghi insoliti davvero affascinanti mi fa molto piacere. Grazie per avermeli fatti conoscere!

Rispondi
Mariarita 28/07/2020 - 23:35

Sono anni che trascorro almeno due settimane in estate nel Salento. Ho visitato più volte la Valle d’Itria e due volte il Gargano, ma nessuno di questi tre borghi! Soprattutto Bovino, sembra proprio un gioiello!

Rispondi
Angela 02/08/2020 - 08:10

Sono pugliese e non sono mai stata in queste zone😅 devo recuperare? Assolutamente sì😍

Rispondi
Nives 03/08/2020 - 11:27

Della Puglia ho quasi sempre solo visto il Salento, salendo al massimo ad Alberobello e Ostuni. Prima o poi vorrei visitare anche la zona più a nord e fare un bel tour tra i borghi! Questi me li segno!

Rispondi

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy