Home CommunityInterviste Federica Gelo di ti chiamo quando torno
Federica Gelo

Federica Gelo di ti chiamo quando torno

0 commento

Federica è una viaggiatrice raffinata, ma non per questo menu curiosa, anzi! Lei sa cosa vuole dal viaggio e lo rende un sogno ad occhi aperti. È un elemento storico della community delle Travel Blogger Italiane, quindi è un vero onore per me presentarvela.

Lei si racconta così:

Appena ne ho avuto la possibilità, a diciassette anni, mi sono ribellata al retaggio di famiglia e ho preso il mio primo aereo. Destinazione Londra. È allora che ho capito quanto il mondo fosse un posto curioso e interessante e che viaggiare mi piaceva da morire.

Federica Gelo
Federica e le cascate del Niagara

Che tipo di viaggiatore sei? Zaino o valigia?

Senz’ombra di dubbio da valigie, al plurale. La valigia è il mio tallone d’Achille da sempre. Sarei voluta nascere negli anni Venti quando le donne viaggiavano con giganteschi bauli e cappelliere invece che nell’era dei voli low cost e degli striminziti trolley da cabina!

Io amo viaggiare comoda: mezzi di trasporto il più possibile privati, boutique hotel, ristoranti di buon livello Sicuramente un modo di viaggiare costoso e infatti mi ritrovo spesso a rinunciare ad alcune destinazioni perché con queste esigenze spenderei una fortuna. Ma è più forte di me: amo il bello in ogni cosa che faccio!

Cosa non può mancare nel tuo bagaglio (una sola cosa)?

Come avrete capito scegliere una sola cosa per me è difficile ma davvero fondamentale è avere almeno una decina di bustine di antidolorifico. Purtroppo soffro da sempre di continui mal di schiena e attacchi di cervicale e senza farmaci diventerei matta. Vivere con il dolore non è facile ma ci convivo da talmente tanti anni che ormai me ne sono fatta una ragione ed è anche per questo che scelgo una modalità di viaggio più comoda.

Il viaggio che ancora non hai fatto ma che vuoi fare assolutamente?

Il mio viaggio dei sogni è un road trip in Sudafrica. Lo desideravo come regalo di laurea ma non sapevo con chi andare, poi l’ho pensato come viaggio di nozze ma ho capito che il matrimonio non fa per me, ci ho provato in altre occasioni ma mancava sempre qualcosa – il budget, il tempo, la compagnia giusta – e così, per ora, rimane un sogno. Incrocio le dita per realizzarlo presto!

Dove hai mangiato meglio e peggio nel mondo?

Sul meglio non ho dubbi: l’Italia. Sarò banale ma bene come nel nostro Paese non si mangia da nessuna parte! La cucina italiana ha l’incredibile capacità di unire vari ingredienti creando un mix di sapori equilibrato e armonico in cui ogni elemento viene esaltato dalla presenza degli altri. Trovare questo equilibrio nelle cucine straniere è davvero difficile. Unica eccezione è la Francia, bisogna riconoscerlo.

In generale però mangio di tutto e adoro sperimentare le cucine locali tanto che mangiare italiano all’estero per me è un sacrilegio! A mio gusto la cucina più difficile è quella asiatica, che mi piace moltissimo ma a piccole dosi. Offre piatti buonissimi e molto gustosi ma i sapori sono talmente intensi che dopo un po’ mi vengono a noia. Ricordo che durante la terza settimana trascorsa in Thailandia ho desiderato di tornare a casa solo per non sentire più l’odore delle spezie!

Qual è il viaggio che, nel bene o nel male ti ha insegnato di più?

Quello che deve ancora venire! Ogni viaggio regala qualcosa di unico e fare una classifica mi è impossibile. Mi piace assorbire quel qualcosa da ogni luogo che visito e da ogni cultura che incontro per tornare con una valigia ancor più piena di esperienze e ricordi oltre che di vestiti!

Federica Gelo
Federica al passo Bernina

Potete leggere i post scritti da Federica per le Travel Blogger Italiane dalla sua pagina autore oppure sul suo blog Ti chiamo quando torno.

Altri post che potrebbero interessarti

Lascia un commento

* Quando lasci un commento autorizzi Travel Blogger Italiane a gestire i tuoi dati secondo quanto previsto dal GDPR

Questo sito internet usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per adempiere alla noiosa burocrazia europea dovresti confermarmi che sei d'accordo. Accetto Privacy & Cookies Policy